Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 394.452.567
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/05/2021
Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Scritto Giovedì 11 marzo 2021 alle 12:12

Desio: 500 interventi con il Neuromonitoraggio Intraoperatorio

Negli ultimi 5 anni, a Desio, presso la struttura di Otorinolaringoiatria diretta da Umberto Mianesi, sono stati eseguiti 500 interventi chirurgici dei distretti testa e collo. Decisivo in questo ambito il supporto di una tecnologia innovativa e all’avanguardia.
“Quando si interviene chirurgicamente in prossimità dei nervi cranici – spiega il primario - la loro manipolazione o il loro spostamento, anche se lasciati integri anatomicamente alla fine dell'intervento, non è sempre garanzia di preservazione della loro funzione. Con la tecnologia del Neuromonitoraggio Intraoperatorio (IONM) si può, invece, conoscere in tempo reale lo stato dei nervi coinvolti, garantendo al paziente il massimo della sicurezza, in termini di ripresa di una corretta funzione alla fine della procedura chirurgica”.
L’utilizzo con regolarità di questa metodica ha consentito alla struttura di Desio di diventare centro di riferimento per tutta la Brianza.
L’importanza del neuromonitoraggio è oltremodo evidente nella chirurgia della tiroide “in quanto – racconta Milanesi - durante la tiroidectomia totale sono a rischio entrambi i nervi laringei responsabili della motilità delle corde vocali. Con questa metodica si riduce allo 0,2% la possibilità di una paralisi permanente monolaterale, e sicuramente vicina allo 0 assoluto l'evenienza della grave e temuta complicanza della paralisi bilaterale (che porterebbe il paziente ad una inevitabile tracheotomia postoperatoria). Il chirurgo infatti quando si accorge della sofferenza di uno dei due nervi laringei può mettere in atto tutte le accortezze intraoperatorie per evitare un danno”.
Dal 2015 ad oggi sono stati 386 gli interventi di tiroidectomia totale con Neuromonitoraggio Intraoperatorio: tuttavia anche in altre tipologie di intervento laringoiatrico il supporto della metodica è stato particolarmente significativo.
L'esperienza notevole maturata dalla struttura dell'Ospedale di Desio ha permesso di organizzare negli anni corsi e congressi di divulgazione tecnica. Va ricordato, inoltre, che molte società scientifiche internazionali come la German Association of Endocrine Surgeons, la British Thyroid Association, l'American Head and Neck Society e l'American Thyroid Association raccomandano fortemente l'utilizzo della metodica di controllo intraoperatorio della funzionalità dei nervi.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco