Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 394.438.859
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/05/2021
Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Scritto Mercoledì 10 marzo 2021 alle 22:06

Vaccini anti-covid: protocollo tra Regione e imprese per somministrazioni in azienda

Lorenzo Riva
E' stato presentato quest'oggi a Palazzo Lombardia il 'Protocollo per la partecipazione delle aziende produttive lombarde alla campagna vaccinale anti-Covid' e che coinvolge Regione, Confindustria Lombardia, Confapi, Associazione Nazionale Medici d'azienda e competenti.
“Il protocollo presentato oggi da Regione con Confindustria Lombardia e con l’Associazione Nazionale Medici di Azienda e Competenti ANMA è la conferma della volontà del sistema produttivo nell’assicurare il proprio contributo per uscire dall’emergenza pandemica, contenendo l’espansione del contagio e riducendo il tragico bilancio delle vittime” ha commentato il presidente degli imprenditori lecchesi Lorenzo Riva “Lasciarsi la pandemia alle spalle sarà possibile solo grazie ad un progredire significativo della campagna vaccinale e, su questo fronte, il mondo delle aziende può dare un apporto significativo con la disponibilità a somministrare nei propri spazi i vaccini ai lavoratori che volontariamente aderiranno all’offerta. Questo, ovviamente, in modo subordinato sia alla disponibilità del vaccino, che speriamo ci sia il prima possibile, sia ai vincoli dettati dalla logistica necessaria per garantire la totale sicurezza”.
Ad illustrare il protocollo erano presenti il presidente Attilio Fontana, la vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti, l'assessore allo Sviluppo economico Guido Guidesi insieme a Marco Bonometti, presidente Confindustria Lombardia, Maurizio Casasco presidente Confapi e Rino Donghi, consiglio direttivo Associazione Nazionale Medici del Lavoro.
"E' il primo accordo del genere che viene raggiunto in tutto il nostro Paese" ha sottolineato il presidente "Le imprese che aderiranno al Protocollo potranno vaccinare direttamente i propri dipendenti in azienda. Ci sarà l'opportunità di avere altri centri vaccinali, altri medici a disposizione dei cittadini perché siamo convinti che la vaccinazione di massa sia l'unico mezzo per vincere la battaglia".
"Vogliamo vaccinare più rapidamente possibile - ha detto la vicepresidente Moratti - chi ha diritto ad essere vaccinato. Il secondo obiettivo: nel rispetto delle categorie individuate dal piano di vaccinazione nazionale (operatori sanitari, Rsa, persone over 80 e persone con fragilità), abbiamo necessità e opportunità che è giusto che si amplino le possibilità di inoculare il vaccino".
Secondo l'accordo le aziende opereranno con proprio personale medico, sgravando il servizio sanitario regionale pubblico e privato allentando così la tensione sugli ospedali.
"Con questo provvedimento - ha detto l'assessore Guido Guidesi con delega allo Sviluppo Economico - non cambiamo minimamente il piano Vaccinale Nazionale perché è a quello che ci atteniamo e non è nostra volontà cambiare le priorità stabilite. Vogliamo invece attualizzare la ricetta che in Regione Lombardia ha sempre funzionato e cioè quella di far squadra tra pubblico e privato". "Con questa delibera vogliamo anticipare i tempi nella speranza che gli altri ci imitino, soprattutto il Governo. Confapi e Confindustria Lombardia sono state le associazioni da cui è partita questa proposta, ma a questa iniziativa possono partecipare altre associazioni di categoria. Penso a Confcommercio e Confcooperative e a tutte le altre che hanno manifestato il loro interesse, la loro voglia di essere coinvolte e il loro desiderio di essere protagoniste, insieme a Regione Lombardia, in questa sfida.
"Diamo un'ulteriore opportunità di scelta ai dipendenti e ai lavoratori lombardi. Credo che la guerra sia guerra e il nemico lo abbiamo tutti ben chiaro. Vinciamo se c'e' l'alleanza tra pubblico e privato e se mettiamo a disposizione tutte le strutture, tutte le risorse umane e professionali. Dalla vaccinazione dipenderà il rilancio economico della nostra Regione che equivale a dire il rilancio economico di tutto il Paese. Abbiamo bisogno di far squadra e abbiamo bisogno di darci una mano e in questo modo la guerra la vinceremo sicuramente"
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco