• Sei il visitatore n° 505.952.033
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 09 marzo 2021 alle 15:54

Vaccinazioni: i nonni dimenticati

Oggi pensando alla pandemia in corso, ho fatto alcune riflessioni che vorrei condividere.
Abbiamo vaccinato il personale sanitario: sacrosanto.
Siamo poi passati agli over ottanta. Giusto? Pensavo di sì, fino a poco tempo fa. Sono persone certamente molto fragili, sicuramente da iper proteggere ora. Ma credo che sia possibile proteggerli anche tenendoli lontani dai luoghi di contagio, al sicuro...
Siamo passati anche ai docenti. Giusto? Sì. Forse...certo, stanno nelle scuole, rischiano tanto. Però le scuole ora le abbiamo chiuse...
È qui che rifletto.
Sarebbe sacrosanto vaccinare gli over 80, vaccinare gli insegnanti, se non fosse che ho l'impressione che ci stiamo dimenticando delle persone forse più a rischio in questo momento: i NONNI!
Mi riferisco a tutte quelle persone tra i 65 e gli 80 anni, ancora in forze nella maggior parte dei casi, ma non necessariamente esenti dall'essere fragili, o dall'avere una o più patologie, che da venerdì si occupano per forza di cose dei nipoti, cioè di quella fascia di popolazione ritenuta "pericolosa", che ha vissuto fino al giorno prima nel luogo ritenuto più pericoloso in assoluto al momento: la scuola.
Ecco, allora chiedo: sono la sola a pensare che, forse, vista la penuria di vaccini, quelli disponibili adesso toccherebbero a loro?
Non dimentichiamoci dei nostri instancabili nonni...
Una lettrice
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco