Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 390.102.011
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/04/2021
Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 11 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 11 µg/mc
Scritto Sabato 06 marzo 2021 alle 15:01

Imbersago: per la festa della donna gli auguri del sindaco

In occasione della festa della donna il comune di Imbersago ha ricordato la contessa Lina Erba Castelbarco a cui è intitolata la strada principale del paese, benefattrice e donna illustre. Con la promessa di organizzare un evento per commemorare la sua figura e "raccontarla" alle giovani generazioni, il sindaco Fabio Vergani ha rivolto un pensiero a tutte le donne.


Non posseggo dati statistici, ma credo di poter dire con ragionevole certezza che Imbersago sia uno dei rari Comuni italiani ad avere la propria via principale intitolata a una donna: nel nostro caso, la contessa Lina Erba Castelbarco.

L’intitolazione risale alla prima metà degli anni ’60, per volere unanime dell’allora Amministrazione guidata dal Sindaco Paolo Bonfanti e si inscrive, manco a farlo apposta, nel solco della solidarietà. All’indomani della sua scomparsa, apparve naturale e doveroso da parte della comunità di Imbersago sottolineare il ruolo di benefattrice della contessa Lina Castelbarco, specie nel periodo difficile dell’immediato dopoguerra, con un costante impegno soprattutto a favore dei più piccoli e dei più deboli.

La precedente via Nazionale lasciò così il posto all’odierna via Castelbarco e a quanto risulta dalle cronache dell’epoca la popolazione accolse con entusiasmo questa scelta. Fu così che il nome di una donna arrivò a primeggiare nella toponomastica locale, affiancando e in qualche modo sovrastando i padri della patria come Cavour e Garibaldi, i martiri come Battisti e Matteotti, i letterati come Manzoni e Cantù, i Santi come Francesco e Marcellino, gli scienziati come Fermi, Copernico, Galilei e Leonardo da Vinci, i musicisti come Verdi e Puccini…

L’8 marzo si celebra la Giornata internazionale della donna: una ricorrenza con un profondo significato sociale, politico e culturale, che cade purtroppo in un periodo difficile e drammatico di pandemia. Accanto ai doverosi e sentiti auguri a tutte le donne, mi sia consentito di formulare un auspicio per il futuro: quando sarà possibile, organizzeremo un momento pubblico di approfondimento sulla figura della contessa Lina Castelbarco, magari proprio l’8 marzo. E’ giusto che le nuove generazioni possano conoscere questa straordinaria personalità, così importante per la storia del nostro paese.


Fabio Vergani
Sindaco di Imbersago
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco