Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.905.098
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/05/2021
Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 14 µg/mc
Scritto Venerdì 05 marzo 2021 alle 09:27

Contrabbando penale di orologi

Nelle scorse ore, nell’ambito delle attività di controllo al confine ferroviario italo-svizzero, funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in servizio presso la Sezione Operativa Territoriale (SOT) di Chiasso e militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Ponte Chiasso hanno fermato un cittadino di nazionalità britannica che viaggiava a bordo di un treno diretto da Bellinzona a Milano.


Alla domanda di rito volta a conoscere se trasportasse merci al seguito, il passeggero rispondeva negativamente, ma la dichiarazione non è stata ritenuta attendibile, cosicché gli agenti hanno approfondito il controllo presso gli uffici della Sezione, dove venivano rinvenuti, occultati all’interno di calze da uomo e riposti nelle tasche interne della giacca, due orologi da polso Rolex di notevole pregio, del valore totale di 54.533 euro. L’ammontare complessivo dei diritti evasi, a titolo di dazio e IVA, è risultato pari a quasi 12.000 euro (per l’esattezza: 11.999,24 euro), superando abbondantemente la soglia per considerare la fattispecie al vaglio degli agenti un semplice illecito amministrativo. Come noto, infatti, dal 30 luglio scorso, per effetto delle previsioni di cui al D.L.vo 75/2020, in recepimento della Direttiva UE 2017/1371 (cosiddetta Direttiva PIF, Protezione Interessi Finanziari dell’Unione), la depenalizzazione del contrabbando di cui al D.L.vo 8/2016 non opera se l’ammontare dei diritti evasi supera i diecimila euro.
Il trasgressore è stato quindi denunciato, a piede libero, per contrabbando penale ex art. 282 del D.P.R. 43/1973 ed evasione di IVA all’importazione ex art. 70 del D.P.R. 633/72, mentre la merce, sequestrata ai fini della confisca, è stata concentrata presso l’Ufficio corpi di reato del Tribunale di Como.
L’attività di servizio in argomento si inquadra in un più ampio e costante dispositivo di prevenzione posto in essere da Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e Guardia di Finanza ai valichi di confine, a presidio della legalità e per garantire il rispetto della normativa doganale e unionale.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco