• Sei il visitatore n° 494.649.230
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 03 marzo 2021 alle 09:11

Cernusco: in consulta istruzione i progetti per ripartire dedicati ai giovani e agli adulti

La sindaca Giovanna De Capitani
Lunedì 1° marzo 2020 si è tenuta la Consulta Istruzione del Comune di Cernusco Lombardone, riguardo ad alcuni aggiornamenti e nuovi progetti all’interno del territorio. La riunione si è strutturata seguendo quattro punti: l’aggiornamento sulla situazione dei contagi nelle classi delle scuole primaria e secondaria di primo grado; la proposta di un’iniziativa di riflessione e condivisione riguardante il tema del disagio giovanile, da parte di alcuni genitori delle medie; la ripresa del progetto “Genitorialità consapevole”; la valutazione di un progetto di street art.
La Consulta è stata aperta dalla sindaca Giovanna De Capitani che ha subito chiarito alcuni nuovi provvedimenti che l'amministrazione metterà in atto. La curva di contagio, rispetto alla settimana scorsa, è aumentata. Le persone in isolament sono attualmente 85; le fasce di età maggiormente colpite sono quelle tra gli 0-18 anni e 45-50 anni. I decessi, nell’ultima settimana, sono state 2, si tratta di persone la cui condizione era già aggravata da una complicazione fisica. Pare che nessuno abbia contratto una variante. La situazione nel plesso delle elementari sembra essere più complicata: si aspetterà il 10 marzo per capire se la frequenza scolastica potrà tornare ad avvenire in presenza, le classi sono aperte solo a coloro che presentano delle disabilità.
Per quanto riguarda la campagna vaccinale, ATS non ha ancora fornito alcun aggiornamento. Fino all’11 marzo la catechesi e le attività sportive, principalmente per i bambini di scuola primaria, saranno sospese. La sindaca ha invitato nuovamente a non abbassare la guardia, nonostante la stanchezza data dalla situazione pandemica possa talvolta far allentare l'asticella del rigore.
È stata poi proposta un’iniziativa di riflessione e condivisione riguardante le problematiche annesse al disagio giovanile, attraverso la quale si cercherebbe di risolvere, o per lo meno attenuare, il peso della pandemia particolarmente avvertita nella fascia della preadolescenza. In questa delicata fase di sviluppo il disagio che molti preadolescenti stanno subendo si sta ripercuotendo sulle relazioni, ormai smorzate e stroncate, che sono necessarie allo sviluppo sociale, cognitivo e relazionale delle ragazze e dei ragazzi. La situazione altalenante crea problemi anche ai genitori che spesso si trovano in difficoltà nella comunicazione con loro, sempre più chiusi, spenti, e affaticati nel vivere in una comunità che sembra stia bloccando ogni porta. Ed è per questo che la libreria La Cicala, insieme ad un gruppo di genitori, ha proposto una serata per affrontare la questione. Si intitolerà "Riprendiamoci il futuro" e si terrà il 23 marzo, dalle 20.45 alle 22.30.
"Genitorialità consapevole", progetto che ha mosso i primi passi nell'ottobre del 2019 e successivamente sospeso causa covid, è stato il terzo argomento di interesse. Questa serie di incontri si comporrà di 2 moduli da 5 serate, in cui i genitori - spesso divorati da preoccupazioni dal carico non indifferente - saranno i protagonisti. Le modalità formative esperienziali pratiche saranno d’aiuto per trovare uno sfogo in questo momento di stress eccessivo. Definiti gli ultimi dettagli, a breve l'iniziativa sarà pubblicizzata.
L’ultimo progetto guidato da Simone Bonetta e coordinato da FabLab riguarda un laboratorio di disegno con un gruppo di 10 giovani, dai 16 ai 29 anni, per il rifacimento della cabina elettrica Enel vicino al campo sportivo. L'attività probabilmente si svolgerà questa estate e durerà per uno o due mesi circa. Il progetto ha suscitato delle perplessità. Alcune mamme trovano limitante il target d’età, così come la possibilità offerta ad una sola decina di ragazzi.
Nell’ultima parte della Consulta la sindaca ha lasciato spazio ad un ulteriore proposta, chiamata “Progetto dispari e pari” rivolto a ragazzi e adulti. Si tratteranno argomenti riguardanti la sensibilizzazione contro gli stereotipi e violenze tra pari, per educare i giovani al rispetto della reciprocità mentre agli adulti offre la prevenzione, la formazione e l’informazione per superare insieme ai propri figli le difficoltà del periodo adolescenziale. Il 17 marzo si terrà la prossima seduta della Consulta in cui verranno forniti degli aggiornamenti sugli eventi analizzati.
R.Ro.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco