• Sei il visitatore n° 494.874.950
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 27 febbraio 2021 alle 09:11

Airuno: in cc il DUP. La minoranza critica sull'assenza di opere da più di 100.000 €


L'assessore Adriana Rossi, il sindaco Alessandro Milani e il segretario comunale

Sono quattro i punti chiave del Documento Unico di Programmazione Semplificato, presentato dall'assessore incaricato Adriana Rossi durante l'ultimo consiglio comunale di Airuno, riunitosi in presenza venerdì 26 febbraio. Per prima cosa, la riduzione di tasse e imposte mediante il monitoraggio delle spese, obiettivo da realizzare con il riequilibrio della TARI e la volontà dell'amministrazione di diminuire l'addizionale Irpef alla popolazione, compatibilmente con il periodo difficile in corso. La sicurezza, poi, messa in pratica grazie all'implemento del servizio di controllo nelle ore serali svolto dalle forze dell'ordine. "Abbiamo intenzione di posizionare due nuovi sistemi di videosorveglianza" ha spiegato l'assessore Rossi, che, incalzata dalla consigliera di minoranza Adele Gatti ha ammesso che non è ancora stata presa una decisione in merito al luogo d'installazione. Dal canto suo, il gruppo di opposizione è tornato a proporre per le telecamere via Isonzo e la strada che conduce ad Aizzurro. "Il terzo punto è la realizzazione di alcuni macro obiettivi" ha proseguito poi l'assessore Rossi nella sua relazione, chiarendo che è in corso la partecipazione ad alcuni bandi per la salvaguardia del patrimonio e per fornire nuovi servizi. Sono invece partiti i lavori nell'area Pizzagalli - Magno, dove sorgeranno orti sociali e si sta valutando la possibilità di creare un polo natural-culturale vicino al parco che sorgerà a breve. "Vogliamo poi rassicurare i cittadini sul fatto che stiamo lavorando ad un accordo per riportare il centro di raccolta ad Airuno, e stiamo poi procedendo con la messa in sicurezza delle frazioni e la realizzazione di nuovi parcheggi, così da rendere il paese più agevole".  In questo DUP, comunque, non sono state previste opere d'importo superiore ai 100.000 euro. "L'ultimo punto chiave è il sostegno all'associazionismo, per cui confermiamo il nostro appoggio ai gruppi del territorio valutando, ove possibile, l'ipotesi di rapporti convenzionati" ha concluso l'assessore al bilancio, aprendo la discussione. 

La minoranza: Gianfranco Lavelli, Adele Gatti e Francesco Galli


La minoranza è dunque intervenuta, lasciando la parola al consigliere Adele Gatti, che ne ha approfittato per chiedere alcuni chiarimenti e dare qualche spunto. Per prima cosa, la scuola: "A giugno scadrà il contratto del servizio mensa, e dovremmo già avere un'idea di come impostare il nuovo bando di gara" ha incalzato Gatti, sottolineando la contrarietà del gruppo "Progetto Comune" alla presenza di buoni mensa non calibrati in base all'ISEE ma lasciati a tariffa fissa. A questa obiezione, il sindaco Milani ha risposto dicendo che quella di fissare un prezzo calmierato di 3,98 euro a pasto è stata una scelta politica, così da "pagare tutti per pagare meno". Proseguendo, Gatti ha puntualizzato che l'amministrazione attuale ha tagliato 1200 euro dai fondi per la pulizia riservati alla scuola, "una decisione eccessiva, soprattutto in un momento storico del genere, dove i fondi potevano essere utili". Sempre sul capitolo istruzione, la minoranza ha ricordato che, come è da sempre volontà anche della maggioranza,  sarebbe bello riuscire ad aumentare il capitolo di spesa delle borse di studio, ad oggi fissato a 1200 euro. Elogiata anche l'intenzione di creare un nuovo polo allargato, così da ricevere maggiori finanziamenti e opportunità didattiche.
Per quanto riguarda invece il mondo delle associazioni, l'esponente di Progetto Comune ha espresso dissenso per lo smantellamento della convenzione tra Auser e un gruppo di volontari airunesi che si occupavano del trasporto degli anziani, "una ricchezza per la nostra comunità, costruita in anni di lavoro e che contava più di 20 volontari". Il sindaco Alessandro Milani ha spiegato che l'accordo è stato sciolto a causa della mancanza di autisti, e che non appena la pandemia sarà passata tornerà in essere.Una frecciata è arrivata anche sulla questione delle opere pubbliche: "Il dato che maggiormente spicca in questo DUP è che non sono previsti lavori di importo pari o superiori a 100.000 euro. Ciò non mette in campo per i prossimi anni l'ipotesi di realizzare una palestra ad Airuno, iniziativa ampiamente propagandata in fase elettorale". Ricordando che anche nel luglio 2019, l'amministrazione Milani aveva dichiarato di aver già stanziato 8.000 euro per un concorso di idee rivolto a professionisti del settore per il progetto della nuova struttura. A questa obiezione, l'assessore Simone Tavola ha risposto dicendo che il Covid ha modificato di molto i piani, e che l'emergenza è divenuta, ovviamente, prioritaria. Critica anche sui tributi, Adele Gatti ha espresso il suo timore relativo all'aumento della TARI per le utenze domestiche: "L'amministrazione ha già spostato il carico della tariffa dal 46 al 48%, riducendo da 54 a 52 quello per le utenze non domestiche, e se dal prossimo anno ci sarà una limitazione della gamma dei rifiuti conferiti da queste ultime, ciò significherà per la cassa comunale una possibile riduzione della base imponibile TARI".

Ribadendo la necessità di assumere nuovo personale per l'ente, ha detto che le mancanze più evidenti sono nel comparto della vigilanza e in quello demografico. Tuttavia, la disponibilità di soli 17.000 euro di budget limita non poco la possibilità di reclutare nuovi dipendenti. In conclusione, dopo che il capogruppo di minoranza Gianfranco Lavelli ha fatto lettura delle dichiarazioni di voto, i tre esponenti di Progetto Comune - Lavelli, Gatti e Francesco Galli - si sono detti contrari all'approvazione del DUP. "Nel documento presentato emerge la volontà di voler mantenere gli equilibri di bilancio, promettendo da una parte di ridurre le entrate dai vari tributi e dall'altra continuando a ridurre i contributi alle associazioni, a tagliare servizi e ad uscire da rapporti collaborativi con altri enti del territorio". Il punto è stato votato come immediatamente eseguibile dall'assise.
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco