Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 382.696.509
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/03/2021
Merate: 53 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 32 µg/mc
Valmadrera: 39 µg/mc
Scritto Lunedì 22 febbraio 2021 alle 11:01

La Valletta, Covid: ad oggi 12 casi, il quadro da febbraio 2020

Il sindaco Marco Panzeri
Un anno fa, il 21 febbraio 2020, il primo caso di Coronavirus veniva individuato in un paziente italiano. A distanza di 365 giorni, il comune di La Valletta Brianza coglie l'occasione, aggiornando i cittadini sulla situazione e 'tirando le somme'. Attualmente, sono 12 i residenti positivi al tampone, mentre una persona si trova in quarantena in quanto 'contatto stretto' di un caso Covid. Un cittadino, infine, è stato segnalato dal servizio sanitario territoriale. "Si tratta di casi al domicilio non in condizioni critiche" spiega il sindaco, Marco Panzeri, comunicando poi alcuni dati generali. "Per la comunità di La Valletta Brianza che conta circa 4.700 abitanti, in questo anno sono stati complessivamente registrati 207 casi sottoposti a sorveglianza attiva". Di questi, 188 cittadini - 101 maschi e 87 femmine - hanno contratto il virus, pari al 4% della popolazione. 6 quelli sorvegliati nel corso dell'anno per essere stati a contatto stretti con casi Covid, mentre 11 i residenti segnalati dal servizio sanitario territoriale. Solo 2 quelli attenzionati per sintomi sospetti.
Dei 188 cittadini che hanno contratto il Covid, 13 persone - pari al 6,9% degli ammalati - sono decedute; 12 nel lookdown di primavera, 1 nel lookdown dello scorso autunno; "Si tratta di 9 maschi e 4 femmine, e la persona più anziana era nata nel 1930, la più giovane nel 1958" prosegue il primo cittadino, invitando a non allentare l'attenzione. "Zona gialla” non significa “liberi tutti”. Evitiamo le occasioni di assembramento e ricordiamoci di rispettare le norme comportamentali: laviamoci spesso le mani, utilizziamo la mascherina e manteniamo il distanziamento fisico di almeno un metro durante gli incontri con persone non conviventi."
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco