Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 382.177.203
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 02/03/2021
Merate: 47 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 34 µg/mc
Lecco: v. Sora: 31 µg/mc
Valmadrera: 33 µg/mc
Scritto Giovedì 18 febbraio 2021 alle 09:39

Merate, canile: report positivo, nel 2020 un aumento delle adozioni. Abbandoni in calo

In un vero e proprio annus horribilis quale è stato il 2020 c'è stato chi, silenziosamente ed instancabilmente, ha portato avanti il suo operato, nonostante le numerose difficoltà, come i volontari del canile di Merate, gestito dalla sezione locale della Lega Nazionale per la Difesa del Cane. Durante il periodo del lockdown, infatti, la struttura di via Ca' Rossa, nella frazione di Brugarolo, ha risposto ottimamente all'emergenza, facendosi carico di una quarantina di cani. "In Lombardia, grazie al lavoro di sensibilizzazione e all'uso dei microchip, il fenomeno dell'abbandono è diminuito drasticamente" ha raccontato Simona, la responsabile "Piuttosto si nota un aumento dell'allontanamento di cani di razze 'particolari', quali possono essere i putbull, i bull terrier o gli amstaff, che le persone prendono con sè senza avere idea di che cosa significhi gestire e crescere un esemplare di quel tipo, che richiede attenzioni particolari".
La nota positiva del 2020 è stato sicuramente l'andamento delle adozioni, in aumento. "Siamo riusciti a trovare una sistemazione per molti cani" ha spiegato definendo "produttivo" il sistema utilizzato durante la pandemia ed in vigore ancora oggi, che prevede che gli interessati prenotino un appuntamento per la visita al canile. "In questo modo, per tutti molto proficuo, riusciamo ad inquadrare le necessità delle persone e a dare una risposta veloce".
La gestione della struttura, dove trovano riparo i cani accalappiati nel territorio di competenza, prosegue quindi favorevolmente. Per le volontarie presenti durante il primo ed il secondo lockdown, la cosa più sorprendente è stata osservare la reazione dei  cuccioli durante il periodo di zona rossa. Sul rifugio regnava un silenzio assoluto, rotto solo dalle sirene delle ambulanze, e gli animali, quasi percepissero che ci fosse qualcosa di particolare, si sono calmati, vivendo con pazienza il momento.
A livello economico, il 2020 ha visto, come quasi tutte le realtà associative, zero entrate, corredate da alcune voci di spesa. Un canile non smette mai di avere bisogno, tra le altre cose, di prodotti per la pulizia generale dei box quali detersivi, scope e palette.

Chi volesse scoprire di più sul Rifugio di Merate, può visitare il sito web cliccando QUI.
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco