Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 429.671.785
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 17 febbraio 2021 alle 22:23

Il DG al welfare Trivelli lancia l'appello per inviare personale sanitario in Umbria. Favini apre ad accogliere pazienti in Asst

L'oggetto della mail, inviata ai direttori generali delle ASST, è di poche parole "Missione Umbria" e a firmarla è il numero uno del welfare della regione Lombardia Marco Trivelli. Si tratta di un appello per raccogliere "volontari" da inviare in centro Italia, per un periodo di tempo da uno a tre settimane, in particolar modo in Umbria dove gli ospedali, in situazione di grande emergenza, arrancano a causa della scarsità di risorse umane e chiedono aiuto.

Oggetto: Missione Umbria
 
Gentilissimi,
è pervenuta in queste ultime ore una richiesta di aiuto urgente dalla Regione Umbria per un invio immediato di personale medico e infermieristico di Terapia Intensiva nei loro ospedali in gravissima difficoltà.
Pur conoscendo la situazione di perdurante pressione sul sistema sanitario regionale, sarebbe estremamente positivo poter fornire un aiuto da parte della nostra Regione che, meglio di altre, conosce la drammaticità di questi momenti di violenta pressione pandemica.
Si chiede con la presente, a tutte le Strutture del Sistema Regionale Lombardo (pubbliche e private) di voler urgentemente individuare la disponibilità del proprio personale formato per attività di assistenza intensiva a un breve periodo di comando (da una settimana ad un massimo di tre settimane) presso le strutture ospedaliere umbre.
Si chiede di indicare almeno un operatore per Ente, infermiere o medico, comunicando la risposta al seguente indirizzo di posta elettronica.
Si prega altresì alle ATS di far pervenire la nota alle Strutture private afferenti al proprio territorio.
Ringraziando sin d’ora per la disponibilità che potrà essere offerta, si resta in attesa di cortese sollecito cenno di riscontro e, con l’occasione, si porgono cordiali saluti.
 
Marco Trivelli
Una richiesta che non ha lasciato indifferenti, ma non nel senso che si potrebbe pensare, i rappresentanti sindacali USB di Lecco che hanno stigmatizzato la proposta indirizzata a un comparto, quello sanitario, a loro dire allo stremo già prima del covid e che viene in coda ad altre due "proposte" del medesimo assessorato.


"Nella drammatica cronica, situazione di carenza di personale sanitario, che da più di cinque anni attanaglia la regione Lombardia" ha commentato Francesco Scorzelli dell'USB Coordinamento Regionale Pubblico Impiego Lombardia e Segreteria RSU e RLS ASST LECCO "resa più evidente dalla pandemia,  l'assessorato al Welfare ha elaborato prima il trasferimento temporaneo di personale sanitario dalle ASST verso quella che si è dimostrata la cattedrale nel deserto e cioè l'ospedale in Fiera. C'è stato poi l'arruolamento di personale sanitario volontario, che avrebbe dovuto iniettare il vaccino anti COVID gratuitamente alla popolazione e ora ci troviamo con la richiesta di trasferimento temporaneo di personale sanitario dalle ASST lombarde verso la regione Umbria probabilmente gemellata con la Lombardia sul campo di Pontida".

Se al momento non risulta che personale infermieristico o medico abbia dato la propria disponibilità a raggiungere l'Umbria, c'è invece la controproposta del direttore generale dell'Asst di Lecco dottor Paolo Favini ad accogliere pazienti provenienti da quella Regione. Un trasferimento nelle terapie intensive del lario, così come era avvenuto nella prima ondata con i pazienti lecchesi portati in Germania.

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco