Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.945.595
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Martedì 21 giugno 2011 alle 15:30

Merate: in pellegrinaggio con l'Unitalsi a Lourdes

Quest'anno l' U.N.I.T.A.L.S.I. Sottosezione di Merate ha fatto una proposta speciale ai giovani della nostra zona (Decanato di Merate e di Brivio) inviando una lettera per invitarli ai Pellegrinaggi a Lourdes 2011


Carissimi giovani, desideriamo proporvi un'esperienza di pellegrinaggio dalla quale tornerete arricchiti. Non ci credete? Citando il Vangelo vi diciamo con convinzione: "Venite e vedete" ... e al ritorno ne riparleremo. DAL 4 AL 10 AGOSTO 2011 oppure DAL 16 AL 22 SETTEMBRE 2011 parte il treno che porta a LOURDES pellegrini, malati e personale e l'invito che rivolgiamo a voi giovani è quello di venire a fare il pellegrinaggio come volontario al servizio dei malati. Quest'anno vogliamo proporre una quota speciale per tutti i giovani dai 18 ai 30 anni -- residenti nei decanati di Merate e di Brivio -- al costo di €. 185,00 (anziché 560,00) + €. 15,00 di quota associativa. Pensateci bene prima di dire di no: non perdete questa occasione. Se non conoscete l' U.N.I.T.A.L.S.I. potete visitare il nostro sito nazionale www.unitalsi.it, dove troverete le attività della nostra associazione. Per qualsiasi informazione riguardo a questa SPECIALE OFFERTA GIOVANI, contattateci al numero 366-93.81.694 o via mail merate@unitalsilombarda.it o venite a Merate in Palazzo Prinetti: la segreteria è aperta ogni Sabato dalle 15,30 alle 17,00. Affrettatevi perché i posti sono limitati e le iscrizioni devono essere fatte al più presto. Vi aspettiamo! U.N.I.T.A.L.S.I. Sottosezione di Merate. 90 Anni dell' U.N.I.T.A.L.S.I. Lombarda. Testimonianze di partecipanti al pellegrinaggio dei giovani in treno a Lourdes
E? un?esperienza particolare quella che l?UNITALSI, associazione che in Lombardia offre da novant?anni un servizio ai malati e alle persone in difficoltà, propone anche quest?anno "ai GIOVANI". Dal 4 al 10 Agosto prossimo si svolgerà infatti il loro pellegrinaggio a Lourdes: saranno cinque giorni intensi, durante i quali ci si metterà in gioco all?interno di un vigoroso coinvolgimento tra giovani portatori di handicap e giovani volontari che avranno rinunciato ad una settimana di spiaggia e alle serate in discoteca. Ciò che rimane depositato nel cuore dopo il pellegrinaggio non è facile da raccontare, ma le testimonianze convergono: il tempo è volato e alla fatica è corrisposta la gioia di essere là dove capita di fermarsi a riflettere sul messaggio dei malati: "Sei fortunato perché sei giovane, cammini e puoi fare quello che vuoi. Allora non preoccuparti per te, perché hai tutte le fortune del mondo". L'esperienza di Lourdes, insomma, "serve a noi più che agli altri e, per quanti dubbi si manifestino prima della partenza, una volta arrivati i timori scompaiono" riferisce Francesco che assicura: "Salire su quel treno significherà tornare a casa da una settimana di inattesa gioia". Perché a Lourdes, parola di Alessandro, "si vivono emozioni che riempiono di gioia: ci si sente bene con se stessi e con gli altri.. i malati.. che sono il punto di forza del pellegrinaggio". Lo spiega Alice: "Portare loro consolazione, aiutarli nelle necessità, prendersene cura: sono partita con queste premesse e, come ogni anno, sono tornata con la consapevolezza di aver ricevuto molto più di quanto sono riuscita a donare. A Lourdes ho prestato servizio alle piscine, ho incontrato tante persone, ognuna con la sua storia, ognuna con i suoi problemi; le ho viste affidarsi totalmente alla Vergine Maria e uscire dall?acqua con una nuova luce sul viso. Restano impressi nella mia mente e nel mio cuore tutti i volti, ogni sorriso: andare a Lourdes come sorella di assistenza o barelliere è un?esperienza che apre gli occhi sulla realtà e sulla speranza". "Se non vedo, non credo: l?espressione di San Tommaso è la sintesi della mia prima esperienza come barelliere a Lourdes" dice un giovane: "Solo partecipando si può capire la straordinarietà del pellegrinaggio, solo vivendolo in prima persona si possono provare emozioni difficili, poi, da trasformare in parole". Per questo c?è chi, come Francesca ha "voluto rivivere l?esperienza di Lourdes, con più intensità, con lo spirito giusto. Ho svolto servizio in refettorio, servendo il pranzo ai malati, occasione per stabilire una relazione con persone che, nonostante evidenti difficoltà, mi hanno donato un sorriso per ogni piccolo gesto nei loro confronti. Sono già pronta per il pellegrinaggio dei giovani di quest?anno". E Riccardo M. è al terzo anno consecutivo di un?esperienza decisiva: "Posso dire che Lourdes è come un libro aperto che insegna sempre nuove realtà di vita". Gli fa eco Martina: "Eccomi, per la quarta volta posso dare testimonianza di Lourdes. Ho prestato servizio alle piscine, quindi a stretto contatto con i malati. Con loro ho sofferto, ho sorriso e ho pregato, mi hanno insegnato che bisogna essere sempre felici e fiduciosi, e, insomma, per quanto abbia dato, anche quest?anno ho ricevuto il doppio". A detta di S. "il bello di Lourdes è anche che ogni pellegrinaggio ha la sua storia ed è diverso dagli altri". Anche se i primi momenti possono essere un po? difficili, "causa qualche incomprensione -- attesta un giovane barelliere -- poi lo "spirito di Lourdes? (mi piace chiamarlo così) sui volti di tante persone mi ha aperto gli occhi e il cuore. Quanti sorrisi sui volti di sorelle di assistenza e barellieri, nonostante la stanchezza; ma soprattutto quanti sorrisi sui volti dei malati, anche dei più gravi". Lo conferma Riccardo P.: "A Lourdes per la terza volta, ho prestato servizio ai piani aiutando i malati nelle necessità quotidiane. I momenti di felicità condivisi con queste persone sono stati spettacolari". Il pellegrinaggio per A. è stato "una prova brillantemente superata: non sono "andato? a Lourdes, ma vi sono stato "chiamato?: nel volgere di una settimana mi sono iscritto al pellegrinaggio dell?Unitalsi, sono contento di aver aiutato qualcuno. Ho visto la realtà della malattia e della disabilità, e questi drammi sono quotidiani: persone che vivono nella sofferenza meritano ammirazione e attenzione perché la loro fede è temprata dalla prova ogni singolo giorno
Associazione correlata:
- Unitalsi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco