Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 420.331.836
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 08 febbraio 2021 alle 09:31

Cernusco:nel 2020 i nati sono stati la metà dei morti, residenti calano come 15 anni fa

Di inverno demografico ha parlato in tono preoccupato anche papa Francesco, tornato ad affacciarsi dal Palazzo apostolico, al termine dell'Angelus del 7 febbraio. Un'espressione usata in sociologia che ben racconta il trend allarmante dei dati sulla popolazione in Italia. I numeri relativi alle annualità 2019 e 2020 che arrivano dall'Ufficio Anagrafe di Cernusco Lombardone si incuneano in questa realtà dei fatti, complice sicuramente, per certi versi, la pandemia da Coronavirus.

Partiamo dal dato più generale, la popolazione residente. Gli abitanti a Cernusco nel 2020 sono stati conteggiati in 3.800 spaccati. Per arrivare a un numero simile bisognerebbe recuperare le pagine dei calendari dei primi anni 2000. Il paese aveva 3.730 residenti nel 2003 e 3.809 nel 2004. Poi la curva, seppur leggermente altalenante, era cresciuta e nel 2016 per poco Cernusco non aveva raggiunto la soglia dei 3.900 residenti. Negli ultimi 15 anni, compreso l'anno nero del 2020, ha comunque registrato una media di 3.858 abitanti. Nel 2019 ne aveva 3.864.




Il grafico dell'andamento della popolazione residente a Cernusco,
tratto dal DUP (Documento Unico di Programmazione) 2020-2022

Il calo è determinato da più indicatori. Le nascite sono passate dalle 26 (14 maschi e 12 femmine) del 2019 alle 20 (7 bimbi e 13 bimbe) del 2020. Mentre i morti sono saliti dai 27 del 2019 ai 44 del 2020. Il che significa che nell'anno appena passato i decessi sono stati più del doppio dei nuovi nati. Il saldo naturale era di -15 nel 2018, -1 nel 2019 ed è stato di -24 nel 2020.
 
C'è poi da considerare il saldo migratorio. Nel giro di due anni la situazione si è ribaltata. Il saldo era positivo nel 2018 (+27), mentre nel 2019 è passato a -4. Nel 2020 un'ulteriore discesa fino a -40. Nell'anno appena trascorso si sono trasferite in paese 138 persone, mentre 178 lo hanno lasciato.



Un'immagine di Cernusco di IMS-Droni e sullo sfondo Montevecchia

Cernusco perde in particolare 60 stranieri. Erano 558 nel 2019 (89 rumeni, 57 peruviani, 56 ecuadoregni, 55 albanesi, 39 marocchini, 26 filippini, 23 senegalesi, 20 ghanesi, 19 cinesi, 18 burkinabé). Sono stati 498 nel 2020 (80 rumeni, 51 ecuadoregni, 44 peruviani, 38 albanesi, 33 marocchini, 24 burkinabé, 21 senegalesi, 19 filippini). Nel 2019 erano arrivati ad abitare a Cernusco Lombardone 177 nuovi residenti, mentre avevano abbandonato il borgo 181 persone. Confrontando sempre il 2019 al 2020 il numero di famiglie è diminuito, passando dai 1.658 nuclei ai 1.625.

Con l'impossibilità di celebrare le nozze a causa delle norme di prevenzione dal Covid, anche i matrimoni hanno registrato un netto calo. Non per quelli in chiesa. Ce n'era stato uno nel 2019 e un altro nel 2020. Quelli civili si sono ridotti di due terzi: erano stati 25 nel 2019, sono stati 8 nel 2020. Nessuna unione civile in due anni. Infine nel 2019 il Comune aveva censito 3 separazioni e 2 divorzi, mentre nel 2020 appena 1 divorzio.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco