Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 419.555.623
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 30 gennaio 2021 alle 09:10

Cernusco: il ''Comprensivo'' si riunisce in videocall per la ''Giornata della Memoria''

L'Istituto comprensivo di Cernusco Lombardone, intestato alle vittime della barbarie nazista Antonio Bonfanti e Angelo Valagussa, ha sentito il dovere morale anche quest'anno di rendere memoria alla pagina della Storia tinta di nero e che riguarda la Shoah. Vent'anni fa il primo seme, con il viaggio di istruzione in Austria nell'aprile del 2000 per visitare il campo di concentramento di Mauthausen, sotto la guida di Roberto Camerani, sopravvissuto alla deportazione. Da lì in avanti l'Istituto non ha più smesso di far interrogare le nuove generazioni di studenti sul senso del male. Attività che solitamente si concludono con un momento di restituzione delle conoscenze apprese. Dato il contesto pandemico, quest'anno non si è potuto organizzare un evento a scuola o in biblioteca.

Il materiale elaborato dagli alunni è stato raccolto sfruttando i dispositivi tecnologici ed è stato così mostrato durante una videoconferenza, che si è tenuta nella mattinata di venerdì 29 gennaio.

I lavori per la Giornata della Memoria sono stati prodotti dalle classi di quinta elementare dei quattro plessi di Cernusco Lombardone, Lomagna, Montevecchia e Osnago e dalle classi della scuola media "G. Verga". Il primo filmato condiviso è stato realizzato dai bambini di Montevecchia. Sollecitati da canzoni contro le discriminazioni, hanno lanciato il proprio messaggio di rispetto dei diritti umani. Un risultato che è stato apprezzato dal sindaco di Montevecchia Franco Carminati che, nel ringraziare gli studenti per il loro impegno, ha invitato a pubblicare questi contributi sui canali web in modo da essere resi accessibili alla cittadinanza.

Gli allievi del "G. Rodari" di Cernusco Lombardone tramite un fumetto hanno messo a confronto le parole contenute nel diario di Anna Frank con quelle dei racconti di Zlata Filipović. Un salto temporale per rappresentare il filo di sangue che unisce la Storia, dalla Shoah alla guerra di Jugoslavia. "Ci state donando canzoni, parole e disegni con quell'immediatezza e semplicità che forse noi adulti ci siamo dimenticati. Ringrazio gli insegnanti per l'importantissimo lavoro fatto nelle classi soprattutto in questo momento in cui non è possibile vivere appieno la comunità" ha commentata la sindaca cernuschese Giovanna De Capitani.

Le quinte di Lomagna hanno approfondito l'argomento con la lettura del libro "Fu stella" di Matteo Corradini e Vittoria Facchini, ne hanno riprodotto disegni e filastrocche. La sindaca di Lomagna, Cristina Citterio, ha espresso "commossa gratitudine". "Ci chiama a riscoprire l'umano nell'oggi" ha aggiunto.

Gli alunni di Osnago hanno disegnato il castagno descritto nel diario di Anna Frank per condividere le sue stesse speranze per un mondo migliore, senza disuguaglianze. Hanno poi preso in considerazione le testimonianze dei deportati a Terezin. "Le occasioni come oggi possono sembrare dei momenti di disturbo, quando ci si aspetta dai bambini delle manifestazioni di gioia e serenità - ha dichiarato il primo cittadino di Osnago Paolo Brivio - Bisogna accettare di trovare spazio per il dolore, perché nei momenti più bui bisogna trovare la forza di ricominciare per un percorso di luce, di serenità, di condivisione. Tra qualche decennio dovrete essere voi testimoni di questo periodo che stiamo vivendo che per certi punti di vista drammatico. È la memoria che dovrete consegnare a chi verrà dopo di voi".

Anche i ragazzi della scuola media hanno mostrato i propri lavori. Approfondimenti sulle pietre d'inciampo, sulla memoria per i fatti di ieri e l'indifferenza per le morti silenziose nel Mediterraneo di oggi, sulla privazione della libertà nello sport e nella vita in generale durante i regimi dittatoriali, sull'impiego dei cani all'interno dei campi di concentramento. In chiusura gli studenti del laboratorio di musica hanno riprodotta la canzone di Armando Trovajoli "E io ero Sandokan", contenuta nella colonna sonora del capolavoro "C'eravamo tanto amati", film corale di Ettore Scola.

M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco