Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 420.332.560
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 18 gennaio 2021 alle 19:25

Calco: ladro in camera da letto di 2 anziani. ''Adesso dormiamo chiusi dentro a chiave''

Se l'è trovato accanto al letto mentre apriva il cassetto del comodino per frugare alla ricerca di soldi e gioielli. Il cigolio provocato dall'apertura del mobile l'ha fatta svegliare e accendere d'istinto la lampada. È stato in quel momento che un'anziana residente in una cascina in località Caviggiolo di Calco ha visto sfrecciare davanti ai suoi occhi una sagoma scura, probabilmente incappucciata, che si dava alla fuga lasciando la sua casa.
È accaduto l'altra notte attorno alle 3 quando il malvivente, dopo avere smontato la maniglia del portone di ingresso, è riuscito a fare irruzione nell'abitazione posta al pian terreno. Dopo avere frugato in alcuni locali è salito al piano superiore dove moglie e marito dormivano tranquillamente nella loro stanza. Incurante della presenza, lo sconosciuto ha aperto cassetti e portagioie facendo però troppo rumore tanto che la donna si è destata dal sonno e accesa la luce lo ha visto e si è messa a urlare.


“Forse se avessi acceso la luce grande sarei riuscita anche a riconoscerlo, con la lampada ho visto solo una figura scura che scappava di fretta dalla stanza. Ho urlato svegliando mio marito che è sceso di corsa dalle scale tentando di rincorrerlo ma chiaramente se ne era già andato. Ci ha rubato dei soldi e una spilla in oro con l'iniziale del mio nome che mi era stata regalata da mia madre. Altro non avevamo. Già in passato avevamo avuto delle visite, ora questa ci ha spaventato molto e infatti ci siamo attrezzati con sistemi di sicurezza ulteriori. Noi ora chiudiamo tutte le porte a chiave, dal bagno alla cucina. E anche in stanza dormiamo chiusi dentro, sprangati”.
Solamente qualche giorno prima nel giardino di un vicino, erano state notate un paio di persone incappucciate che si davano alla fuga, probabilmente dopo un sopralluogo o un tentativo di intrusione non riuscito.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco