Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 419.959.153
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 16 gennaio 2021 alle 20:15

Cernusco: è Federica Ripamonti, studentessa di 17 anni del Medardo Rosso, la donna travolta dal treno questa mattina

Federica Ripamonti
Le coincidenze erano troppe: l'orario della scomparsa e l'incidente ferroviario, il telefono ritrovato dalla polfer sulla massicciata del treno e quello a cui hanno risposto gli agenti con la voce della mamma che cercava la figlia, l'assenza di documenti indosso.
I timori che la donna travolta dal treno 2281 diretto da Tirano a Milano fosse in realtà la giovane scomparsa poco prima dalla sua abitazione di Cernusco, hanno trovato conferma quando la mamma è stata chiamata dalla polizia a raggiungere il comando di Lecco per una serie di accertamenti. I vestiti, il cellulare della 17enne e i tatuaggi hanno così portato al riconoscimento e alla conferma della tragedia che ha fermato le lancette dell'orologio di una famiglia intera e dei tanti amici che sono stati raggiunti dalla notizia.
Federica sarebbe stata travolta dal convoglio in uscita a velocità elevata da una curva a poche centinaia di metri dalla stazione di Osnago. Il macchinista, complice anche il sole contro, non sarebbe riuscito ad accorgersi prima della persona sui binari e quindi né a frenare per tempo e nemmeno a dire se la ragazza stesse camminando e dunque l'investimento sia da ritenersi una fatalità oppure se fosse un gesto volontario.
Nelle ore successive alla sua scomparsa, era stato diffuso un appello affinchè chi avesse visto Federica, allontanatasi da casa poco prima di mezzogiorno dopo avere terminato la lezione a distanza collegata con la sua classe del Medardo rosso di Lecco, indirizzo artistico, si facesse avanti contattando la famiglia.
Un appello che, purtroppo, si è concluso nel peggiore dei modi.

Articoli correlati:
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco