Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 375.182.763
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/01/2021
Merate: 67 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 54 µg/mc
Lecco: v. Sora: 56 µg/mc
Valmadrera: 89 µg/mc
Scritto Martedì 12 gennaio 2021 alle 16:24

'Omicidio Caroppa': morto in carcere a Busto Fabio Citterio

Print Friendly and PDF Bookmark and Share
Fabio Citterio
Stava scontando una condanna a trent'anni. Fabio Citterio è morto nelle scorse settimane dietro le sbarre, nel carcere di Busto Arsizio. Il suo nome resterà legato al fatto di sangue che il 10 maggio del 2012 sconvolse Paderno D'Adda. Quella sera, nel box della propria abitazione, Antonio Caroppa, operaio di 42 anni, padre di famiglia, venne freddato con un colpo di pistola esploso, secondo le risultanze dell'autopsia, a bruciapelo. Presto indagati, grazie ai filmati estrapolati dai circuiti di videosorveglianza, l'operatrice sanitaria con casa a Dolzago Tiziana Molteni e suo cugino, Fabio Citterio, per l'appunto, allora 46enne. Il tecnico informatico, testimoniando in Corte d'Assise a Como nel processo a carico di Valerio Santo Pirrotta, presunto mandante dell'assassinio e unico dei tre imputati ad optare per il dibattimento, ebbe modo di raccontare di aver esploso accidentalmente il colpo di pistola che ferì e poi uccise Caroppa, all'esito di quella che a suo dire avrebbe dovuto essere soltanto una spedizione intimidatoria alla quale avrebbe preso parte per denaro, trascinato dalla Molteni. Quest'ultima e Citterio vennero invece definiti "spietati killer" da chi li processò. Assistiti rispettivamente dagli avvocati Vito Zotti e Marcello Perillo, scelsero il rito abbreviato. Come da richiesta del sostituto procuratore Rosa Valotta, vennero condannati in primo grado dal Gup Massimo Mercaldo a trent'anni di reclusione, nel 2013 con la sentenza poi confermata in via definitiva. A 8 anni abbondanti dall'omicidio, il 24 novembre la morte di Citterio, comunicata solo nei giorni scorsi al legale.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco