Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 382.793.361
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/03/2021
Merate: 53 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 42 µg/mc
Lecco: v. Sora: 32 µg/mc
Valmadrera: 39 µg/mc
Scritto Giovedì 24 dicembre 2020 alle 14:04

Osnago, messaggio del segretario Furlan ai lavoratori Voss: vinceremo questa battaglia

Giornata di presidio davanti ai cancelli della Voss di Osnago anche nella vigilia di Natale. I lavoratori hanno ricevuto la visita di Ugo Dici, segretario Cisl Lombardia, il quale ha raggiunto telefonicamente Annamaria Furlan, segretaria Cisl Nazionale, per chiederle qualche parola di sostegno verso gli operai.
Furlan, ascoltata dai presenti in vivavoce, ha innanzitutto condannato l'episodio avvenuto ieri, mercoledì 23 dicembre, quando l'amministratore delegato Socrate Rossi è stato bloccato al suo ingresso in azienda e il rappresentante sindacale Andrea Donegà, segretario della Fim Cisl Lombardia, è stato urtato dall'auto.

I lavoratori della Voss durante il presidio di questi giorni e il
segretario generale della Cisl nazionale, Annamaria Furlan

''Quello che è successo ieri è una cosa inaccettabile'' sono state le parole del segretario Furlan. ''Non è da paese civile, non è da Stato di diritto e spero davvero che che l'autore di questo gesto ingiustificabile verso un nostro dirigente risponda fino in fondo delle responsabilità''.
Poi un messaggio ai 70 lavoratori che perderanno il posto di lavoro con lo smantellamento del sito di via Stoppani. ''A voi voglio dire che non sarete mai soli. La Cisl ci sarà sempre con i suoi delegati, sarà sempre accanto a voi in questa battaglia che è sacrosanta. Vi prego, non sentitevi soli, noi siamo lì con voi e continueremo a lottare sinchè conservare il proprio lavoro e la propria dignità sia un diritto per ogni lavoratore e ogni lavoratrice. Stiamo uniti e vinceremo anche questa battaglia''.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco