• Sei il visitatore n° 468.090.920
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 11 dicembre 2020 alle 09:01

Ronzinante: il teatro non si ferma, ''Wannsee'' in scena online

Da Lunedì 14 dicembre, a partire dalle ore 21 e fino alle 12 di Lunedì 21 dicembre, sarà possibile vedere sul canale youtube dell'Officina Culturale di Chivasso (https://www.youtube-nocookie.com/user/OfficinaCulturale) lo spettacolo Wannsee, scritto da Ivano Gobbato, messo in scena dalla compagnia Ronzinante di Merate.
Lo spettacolo è stato selezionato tra oltre 60 produzioni provenienti da Italia e Europa per la sezione "online" del concorso indetto da Officina Culturale giunto alla sua quarta edizione. La visione "première" di Wannsee, sarà preceduta da una diretta condotta dagli organizzatori e che avrà tra gli ospiti alcuni degli attori meratesi e l'autore Ivano Gobbato, i quali racconteranno come è nato e si è sviluppato questo progetto teatrale. Un progetto che ha debuttato decisamente nell'anno peggiore ma che la compagnia Ronzinante riproporrà fortemente non appena sarà possibile tornare sui palchi teatrali. Sono infatti numerose le repliche saltate in questo 2020 ma l'intento è quello di poterle recuperare nel corso del prossimo anno.


Oltre a questa esperienza, nel frattempo, Ronzinante Teatro ha proseguito la propria attività nonostante il lockdown. Sono infatti proseguiti su piattaforme online i corsi di formazione teatrale già avviati (che ritorneranno in presenza non appena la regione Lombardia tornerà in zona gialla) e sono stati realizzati ben 7 video racconti natalizi in collaborazione con la Biblioteca e grazie al sostegno del Comune di Casatenovo. Quest'ultimo progetto, intitolato "Uno Strano Natale", è visibile già dal 7 dicembre sul canale youtube del Comune (https://www.youtube-nocookie.com/channel/UCmK3xXZBbyedpxKMBNyVEhQ) ed è composto da storie e fiabe narrate da Emiliano Zatelli e Stefano Panzeri attraverso originali immagini.
"Scalpitando per ritornare ad esibirci dal vivo" - dicono gli attori meratesi - "si è cercato comunque di non fermarsi e di stare a guardare. Come successo già nella scorsa primavera, abbiamo voluto proseguire le nostre attività. Questa volta, però, con la consapevolezza che, benché sia la nostra una realtà composta da volontari, sia necessario portare avanti idee e progetti in maniera professionale."
Una consapevolezza raggiunta pienamente dopo il grande e positivo riscontro ottenuto dall'esperienza estiva, grazie ai numerosi eventi realizzati dal vivo tra giugno e settembre, e dal Festival Nazionale di Teatro "Città di Merate", interrotto a metà, ma che proseguirà e verrà portato a termine presumibilmente nei primi mesi del 2021.
Per restare aggiornati è possibile visitare il sito www.ronzinante.org e seguire sui social le pagine RonzinanteTeatro
sabato 20 e domenica 21 giugno dalle ore 21. In tutti i sensi: in primo luogo perché dopo il lungo periodo di eventi culturali cancellati, rimandati, trasferiti online, finalmente a Merate si torna a vedere lo spettacolo dal vivo; in seconda istanza perché la Storia, quella vera e propria, verrà messa in scena dagli attori di Ronzinante attraverso lo spettacolo "Wannsee" di Ivano Gobbato. Lo spettacolo, che ricostruisce fedelmente un episodio cruciale per l'Umanità avvenuto a Berlino nel 1942, torna sulle scene dopo il grandissimo successo riportato nella prima uscita del 24 gennaio scorso a Merate. Erano in programma altre 5 repliche durante la primavera ma la chiusura forzata di tutte le attività ha costretto la compagnia a cancellare tutte le date e così, senza perdersi d'animo, Ronzinante Teatro ha deciso di aprire la propria originalissima rassegna estiva "IoTeatroTuSedia" con un doppio appuntamento imperdibile per soli 100 fortunati spettatori: 50 sabato e 50 domenica.



LO SPETTACOLO
Berlino, martedì 20 gennaio 1942, mezzogiorno. Il salone principale di una grande villa si affaccia sul Wannsee, uno dei luoghi più pittoreschi della città. Sta per avere inizio una riunione cui parteciperanno ufficiali SS di grado medio-alto e funzionari di alto livello di alcuni Ministeri, della Cancelleria del Reich e della Cancelleria del Partito Nazional-Socialista. Nel corso dell'incontro, che non durerà neppure due ore, saranno illustrate "le misure organizzative, tecniche e materiali per una soluzione definitiva del problema ebraico in Europa".
La forza e la drammaticità dell'opera si traduce in una perfetta apatia rispetto all'argomento trattato, il problema della questione Ebraica viene liquidato in meno di due ore con una soluzione che stravolgerà l'intera popolazione mondiale. Così, la banalità del male, come la definì Hannah Arendt, emerge in tutta la sua forza, un male estremo ma mai demoniaco che può invadere e devastare il mondo, perché cresce in superficie come un fungo. Una riunione, di per sé, molto operativa, nessun pensiero profondo, solo qualche scontro sulle modalità, ma nulla di più: banale, appunto.
Diretti da Giuliano Gariboldi, sul palco saranno presenti lo stesso regista, Lorenzo Corengia, Matteo Apicella, Matteo Veneziani, Luigi Pellicioli, Emiliano Zatelli, Valentina Bucci, Paola Lungo, Sara Veneziani, Marzia Farina, Djuzepe Dalsaso e Floriana Pellicioli



Ecco alcuni dei commenti di chi ha potuto assistere allo spettacolo del gennaio scorso:
"Forte, toccante, difficile ma intenso e bello!" - "Eccezionali: siamo rimasti tutti muti!" - "Un pugno allo stomaco. Poi, assistere in quel contesto, così, a un passo da voi, quasi partecipi, ti faceva sentire colpevole per esser lì inerme su quella sedia, per non esserci alzati ad opporci. Il parlare subito dopo con alcuni degli attori ancora in quelle vesti, anche se non più personaggi, è stato pressoché alienante" - "Mi è parso talmente vero che non avrei voluto batter le mani a quei criminali" - "Il modo migliore per mettere in scena uno dei momenti più bassi della storia dell'uomo: in tutta la sua semplicità!" - "Un tale realismo e una tale drammaticità resa con estrema professionalità!" - "Sconvolgente! Mai come questa sera ho inteso cosa significa l'espressione "banalità del male""
Per assistere agli spettacoli, che si terranno nello spazio esterno della sede di Ronzinante Teatro in Via Vittorio Veneto 2 a Merate (fraz. Novate), è obbligatoria la prenotazione via SMS o Whatsapp o chiamando il 3491760843 o il 3355254536.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco