Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 438.706.844
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 30 novembre 2020 alle 22:18

Airuno, il sindaco Milani incontra in RSA il prof Carlo: 'Qui mi trattano da imperatore'

“Non mi trovo come un re, ma come un imperatore”. Sono queste le parole che il professor Carlo Gilardi ha usato per descrivere il suo soggiorno alla RSA Airoldi e Muzzi, durante l’incontro faccia a faccia con il sindaco di Airuno Alessandro Milani. Il primo cittadino, infatti, nella mattinata di oggi si è recato in visita al professor Gilardi nella struttura lecchese, prendendo tutte le precauzioni anti Covid necessarie, e ha raccontato l’esperienza durante il consiglio comunale di stasera, tenutosi a porte chiuse. “È stato un bellissimo incontro” ha spiegato Milani, visibilmente emozionato “e l’ho trovato bene, fisicamente e mentalmente”.


Il professor Carlo che si è trovato davanti oggi, infatti, ad un mese dal suo ricovero nella RSA, è un uomo molto lucido - come sempre - ordinato, pulito e in buona salute, che non mostra tracce della stanchezza e della spossatezza che l’avevano accompagnato per l’ultimo periodo in paese. Portandogli i saluti di tutti gli airunesi e non che durante queste settimane hanno preso a cuore la sua vicenda e gli hanno mandato tonnellate di affetto, Milani si è anche sincerato dello stato d’animo di Carlo. Nonostante si trovi benissimo nella struttura, durante il colloquio ha espresso la volontà di tornare nella sua casa ad Airuno. A questo proposito, il sindaco ha avuto un incontro con l’amministratrice di sostegno, l’avvocato Elena Barra: “Il Comune sta facendo quanto è di sua competenza, e stiamo lavorando in sinergia affinché Carlo possa tornare al più presto a casa” ha precisato. La conditio sine qua non perchè questo avvenga, nelle prossime settimane, è che il professore possa fare rientro nella sua abitazione tutelato e in completa sicurezza. “Trovo giustissimo assecondare la sua volontà, che sarà sempre rispettata, ma voglio assicurarmi che possa vivere serenamente il suo ritorno” ha concluso Milani.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco