Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 429.864.744
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 28 novembre 2020 alle 13:26

A Bulciago e Cernusco due arresti dei CC per spaccio di droga

Prosegue l'attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti svolta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Lecco.
In tale contesto, nella serata di ieri, venerdì 27 novembre, i militari della Compagnia Carabinieri di Merate, impegnati in un servizio di controllo del territorio nei comuni di Cernusco Lombardone e Bulciago, hanno tratto in arresto due soggetti, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel primo caso sono stati i militari della stazione meratese a sorprendere a Cernusco la 51enne Shqiponja Doko, cittadina albanese, residente a Lomagna, intenta a cedere due dosi "cocaina" ad un 44enne di Merate ed un 46enne di Lomagna, cittadini italiani. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di sequestrare ulteriori 58,5 grammi di "cocaina", già suddivisa in 73 dosi, la somma in contanti di 9.711,50 euro, ritenuta provento dell'attività di spaccio, un telefono cellulare, tre bilancini di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente.
A Bulciago invece, i militari del nucleo radiomobile della Compagnia di Merate, nel corso dell'attività di controllo alla circolazione stradale, hanno sottoposto a controllo l'autovettura Mitsubishi, condotta da Amine Kaouam, 26enne, cittadino del marocco, residente in paese, a seguito del quale è stato trovato in possesso di 75 grammi di "hashish" e di 41 grammi di "eroina".
Gli arrestati, nella mattinata odierna sono stati condotti presso il tribunale di Lecco per il giudizio direttissimo a seguito del quale il giudice, nel convalidare gli arresti, ha applicato a carico della donna la misura degli arresti domiciliari, mentre sul conto del 26enne ha disposto la custodia cautelare in carcere.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco