Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 373.551.423
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 14/01/2021
Merate: 59 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 41 µg/mc
Lecco: v. Sora: 33 µg/mc
Valmadrera: 38 µg/mc
Scritto Giovedì 26 novembre 2020 alle 14:08

Gli aiuti a chi davvero ha bisogno

Ma davvero le persone fanno fatica a rinunciare ad andare a Natale o all'ultimo dell'anno al ristorante, e a sciare durante le vacanze?
Non ci credo.
Penso invece che tutti noi siamo disposti a stare in casa, non è così difficile, siamo persone intelligenti.
C'è una pandemia in atto, ne siamo perfettamente consapevoli (a parte le solite 4 capre negazioniste).


Mi chiedo: lo Stato, non farebbe prima ad andare a vedere i conti correnti di TUTTI gli italiani e dare gli aiuti solamente dove è davvero necessario?
Lo Stato sa tutto di noi, conosce perfettamente la situazione finanziaria di ciascuno di noi, non nascondiamoci dietro un dito.
Si aiuta chi si deve aiutare, semplici cittadini oppure imprenditori (concretamente, non a parole).
Dal conto corrente si può intuire chi può permettersi di stare per qualche mese senza lavorare e chi no.
Sicuramente chi si occupa di economia può attuare correttamente tutti i controlli necessari per fare le giuste valutazioni.
Al governo sono pieni di esperti consulenti strapagati che potrebbero fare questo studio.
Ad esempio: i cttadini che si lamentano che non possono andare a sciare, ecco, quelli magari non hanno bisogno di essere aiutati dallo Stato, però chi lavora in quel settore probabilmente si.

Roberto
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco