Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 375.057.818
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/01/2021
Merate: 67 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 54 µg/mc
Lecco: v. Sora: 56 µg/mc
Valmadrera: 89 µg/mc
Scritto Giovedì 26 novembre 2020 alle 08:09

Beverate: annullata la seduta vaccinale del 3 dicembre, ci sono gli aghi ma non le dosi. Vercelloni: forse dopo il 15

Print Friendly and PDF Bookmark and Share
I medici di medicina generale di Brivio sono purtroppo costretti ad annullare la prevista sessione di vaccinazioni anti-influenzali programmata a Beverate per il giorno 03 Dicembre.
Questo a seguito dalla mancata fornitura dei vaccini che, promessi in numero di 300 per medico con arrivo entro la metà di Novembre, tuttora non sono stati consegnati se non in minima quantità (ad oggi 140 vaccini a medico con però ben 300 aghi!). Questo sta costringendo anche a rimandare purtroppo indietro buona parte dei pazienti che stanno accedendo in questi giorni alle sedute vaccinali presso l'ambulatorio comunale di Brivio e che si stanno svolgendo con dimostrazione di capacità organizzativa e di collaborazione fra gli stessi medici e l'amministrazione comunale: peccato però che, a fronte di una preparazione meticolosa, poi manchi ciò che più conta, cioè i vaccini stessi.
Pare che dopo la metà dicembre ci saranno forniti altre 40 ulteriori dosi di vaccino, certamente però non sufficienti a soddisfare tutte le richieste.
Certamente qualcuno agli alti livelli dovrà poi spiegare a noi cittadini (medici e pazienti) come mai proprio quest'anno sia capitata questa perlomeno strana carenza di vaccini, non disponibili neppure per l'acquisto in farmacia.
E non ci si trinceri dietro numeri altisonanti di vaccini acquistati a livello regionale: io non ho gli elementi per valutare l'autenticità di tali numeri comunicati dalla Regione, ma posso valutare il numero di vaccini da me eseguito lo scorso anno in confronto a quelli che riuscirò a fare quest'anno, ammesso e non concesso di ricevere pure gli ultimi 40 promessi, e tale confronto dice che comunque ne ho fatti di più lo scorso anno. Perciò, se i numeri che ci vengono comunicati fossero veri, allora la Regione ci dovrebbe dire a chi sono andati, visto che di certo non sono andati ai nostri pazienti.
Dottor Stefano Vercelloni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco