Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 373.547.692
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 14/01/2021
Merate: 59 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 41 µg/mc
Lecco: v. Sora: 33 µg/mc
Valmadrera: 38 µg/mc
Scritto Mercoledì 25 novembre 2020 alle 17:43

Merate: un consiglio sul testo della dedica e un'analisi casuale sullo stato del Mandic

Corriamo il rischio di essere apostrofati "petulanti" o "saccenti" ma ci permettiamo di suggerire alcune modifiche alla dedica curata dal signor Sindaco come surrogato delle benemerenze solitamente conferite il 7 dicembre, Sant'Ambrogio (quest'anno la fiera è soppressa) ai cittadini e alle associazioni ritenute meritevoli.  Peraltro ci permettiamo far presente al nostro Primo Cittadino che la tradizione affonda le sue origini già negli anni sessanta; fu poi abbandonata per diversi anni e quindi ripresa nel 1984 prima con il "Premio alla bontà" e poi con le benemerenze. Ma questo è un dettaglio storico che il signor Sindaco può anche ignorare. Dunque il testo proposto è  il seguente:

"A CHI E' IMPEGNATO IN PRIMA LINEA CON IL PROPRIO LAVORO O COME VOLONTARIO, A COLORO NON CE L'HANNO FATTA E AI LORO FAMILIARI. CITTA' DI MERATE 7 DICEMBRE 2020".

Come si vede manca il "casus belli" cioè la ragione fondante, ossia il Covid 19, più precisamente il CoronaVirus Disease 19, conosciuta anche come malattia respiratoria acuta da SARS-CoV-2 o malattia da coronavirus . Tra qualche anno, dato che la targa dovrebbe sfidare il tempo e lo spazio, magari non ci si ricorderà più della pandemia e ci si domanderà chi mai fosse impegnato in prima linea, e a fare che cosa, dato che da decenni il Garand e il Piave sono stati archiviati nei libri di storia. Ci permettiamo quindi suggerire questo testo, che dovrebbe essere chiaro anche ai posteri:
 

"AI CADUTI PER IL COVID. AI MEDICI, AGLI INFERMIERI, AL PERSONALE, AI VOLONTARI, AI FAMIGLIARI
CHE HANNO ALLEVIATO LA CADUTA DI MOLTI, HANNO RISOLLEVATO MOLTI ALTRI,
HANNO SOFFERTO INSIEME, HANNO AIUTATO TUTTI. CITTA' DI MERATE 7 DICEMBRE 2020"

 
Fin qui il lato faceto della vicenda. Poi c'è quello serio. E cioè la condizione attuale dell'ospedale davanti al quale cippo e targa dovrebbero essere installati.  Ospedale che, essendo sul suol cittadino dovrebbe essere in cima alle preoccupazione del signor Sindaco il quale peraltro, con eccesso di sicumera, ha tenuto per sè la delega al sanitario, compreso, e anzi soprattutto, il rapporto con la Direzione strategica dell'ASST Lecco. Come quasi tutti sanno il presidio che doveva essere Covid free è più "sporco" - in senso tecnico - del Manzoni di Lecco.

Con innumerevoli criticità. Così, in ordine sparso:

1)      A Merate non è più possibile fare interventi che richiedano la Rianimazione perché essa è tutta Covid per cui i nostri pazienti vengono visitati e operati a Lecco.
2)      Da sei mesi non sono state fatte assunzioni in Pronto soccorso mentre diversi sono stati inseriti nell'organico del Manzoni, per cui la precarietà è la norma e, per di più un medico a gettone si è dimessa e uno strutturato probabilmente dopo la malattia se ne andrà.
3)      I pazienti passano dal reparto filtro a quello "pulito" con un solo tampone negativo anziché due così quel che resta della Chirurgia deve contabilizzare pazienti positivizzati dopo alcuni giorni di degenza compresa, a quel che sappiamo, anche la caposala.
4)      Abbiamo perso l'automedica, si teme in via definitiva; l'incidente mortale  di questa mattina ha visto l'arrivo dell'elisoccorso da Bergamo anziché dell'automedica dal Mandic. Non sarebbe purtroppo cambiato nulla però il segnale è molto negativo.
5)      Almeno 200 dipendenti contagiati nel presidio qualcosa vuol pure dire, ma non sembra che ci sia una forte attenzione per quanto il rischio di contagio sia inevitabile.
6)      I reparti sono quasi tutti riconvertici ad aree Covid. Ma la domanda è: quando finirà la pandemia riapriranno tutti? Compresa Psichiatria e Pediatria? Ne siamo certi?
7)      Nell'ultimo anno abbiamo perso l'Urologo, la chirurgia pediatrica (che era di eccellenza) e la chirurgia vascolare.
8)      Mammografie eseguite al Mandic in prima seduta, per il ritiro referti e le  visite di controllo occorre andare al Manzoni di Lecco con aggravio di tempi e costi per il paziente.
9)      Visite epatologiche da effettuare esclusivamente a Lecco perché Merate non ha uno specialista né uno specialista del Manzoni scende al Mandic almeno una volta la settimana per evitare il pendolarismo dei pazienti.
10)   A parte Gianlorenzo Scaccabarozzi, vestale della fragilità, il Mandic non ha capidipartimento, quindi qualsiasi operazione dipartimentale viene coordinata da Lecco

Ci fermiamo qui, naturalmente mettendo subito a disposizione lo spazio alla Direzione strategica per rettifiche, aggiunte, smentite e quanto riterrà più opportuno ai fini di una corretta informazione.
Tuttavia anche nell'eventualità di non impossibili rettifiche, resta una situazione estremamente critica. E pensare che, al contrario, ci eravamo illusi di essere stati premiati dalla sorte. Il direttore generale Paolo Favini, che ha sostituito Stefano Manfredi chiamato a dirigere l'Istituto dei tumori di Milano in una sorta di scambio di ruoli, è molto amico nonché compagno di partito dell'assessore regionale Giulio Gallera che, in effetti, ci ha gratificato di numerose visite. La direttrice sanitaria di presidio, nominata con delibera 795 del 18 dicembre 2019 sembra essere, salvo omonimia, la moglie di Stefano Maullu, un nome pesante nella geografia politica regionale, prima con Forza Italia, (assessore al commercio e turismo dal 2008) ora con Fratelli d'Italia, già europarlamentare con un curriculum manageriale che annovera tra l'altro la presidenza della TEEM la Tangenziale Est esterna Milano.

In un Paese dove le conoscenze fanno la differenza pensavamo ingenuamente di entrare in un ciclo positivo con investimenti umani e tecnologici tali da riportare il San Leopoldo Mandic ai fasti del passato. Invece temiamo stia accadendo il contrario. O meglio, la curva discendente non si è arrestata. E da presidio di primo livello a Presidio Ospedaliero Territoriale il passo è breve.

Claudio Brambilla
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco