Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 375.338.599
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 21/01/2021
Merate: 67 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 54 µg/mc
Lecco: v. Sora: 56 µg/mc
Valmadrera: 89 µg/mc
Scritto Mercoledì 25 novembre 2020 alle 11:26

Olgiate: inaugurata la panchina rossa per le vittime di violenza

Print Friendly and PDF Bookmark and Share
Per chiunque subisca una violenza, perché ovunque vi sia un segno dell'attenzione che la società ha verso questo tema, perché vi sia un simbolo della reale possibilità di avere un aiuto nel territorio.


Da sinistra: Anna Pizzigalli di Officina Donna, l'assessore Cristina Viola, Amalia Bonfanti di L'altra metà del cielo,
Idelma Lavelli di Officina Donna e l'avvocato Monica Rosano dell'ordine degli avvocati di Lecco


Anche Olgiate Molgora ha la sua panchina rossa, inaugurata stamane di fronte al Municipio nella Giornata per l'eliminazione della violenza contro le donne. Presenti le delegazioni delle associazioni che nel Meratese si battono affinché vi sia più tutela e consapevolezza, Officina Donna e L'altra metà del cielo, supportate per l'occasione dal comitato per le pari opportunità dell'Ordine degli Avvocati di Lecco e dall'Amministrazione comunale.


Idelma Bonfanti e Amalia Bonfanti


https://youtu.be/jwJsbR-zRBk

''A nome dello Sportello Informativo Antiviolenza, Officina Donna con l'altra metà del cielo ringrazio il Comune di Olgiate, Rete Salute e il Comitato Pari Opportunità dell'ordine degli Avvocati di Lecco per il sostegno dato alla nostra iniziativa di installare questa panchina rossa. In questi giorni tante panchine rosse sono apparse in Italia a testimoniare una drammatica realtà :la morte di centinaia di donne vittime di uomini violenti. Ci auguriamo che la panchina rossa diventi un simbolo potente e che susciti un'idea, un pensiero forte in chi la vede: per le donne che subiscono violenza possa indicare la possibilità reale di un aiuto sul territorio, per tutti gli altri un richiamo ad essere vigili e consapevoli di questo dramma.
Come Officina Donna crediamo fortemente nella prevenzione e in questa occasione abbiamo provveduto anche all'acquisto di libri e film in DVD, sul tema della violenza che verranno destinati in larga misura alla biblioteca,in parte allo Sportello per attività didattiche nella scuola ed altri destinati alla vendita in futuri, auspicabili, mercatini. Inoltre abbiamo in programma interventi online nelle scuole dove abbiamo già collaborato.
La violenza verso le donne ai giorni nostri mette a repentaglio la stabilità di una società già fragile, spaventata e spesso indifesa. Abbiamo bisogno di tutti.. uomini, donne, istituzioni, politici per dire davvero ORA BASTA!'' le parole di Idelma Lavelli di Officina Donna.


Cristina Viola e Idelma Bonfanti

''Mi viene da pensare alle zone rosse di cui tanto si parla in questa pandemia'' è stato invece il commento di Amalia Bonfanti, presidente dell'associazione L'altra metà del cielo. ''Anche le donne nella loro sofferenza vivono in una zona rossa, simbolo di rischio e pericolo. Ancora oggi tante stanno attraversando un momento complicato. Il messaggio che voglio lanciare è che presto queste panchine possano diventare da rosse finalmente bianche, rosa o gialle. Vorrà dire che il pericolo non ci sarà più e sarà garantita maggiore sicurezza''.


Monica Rosano e Anna Pizzigalli

E' seguito l'intervento dell'avvocato Monica Rosano, presidentessa del comitato per le pari opportunità dell'Ordine degli Avvocati di Lecco. ''Siamo da sempre sensibili al tema, da quasi quattro anni il nostro Tribunale ha attivato uno sportello di orientamento legale gratuito per le vittime di maltrattamento e violenza. Questa è una giornata dalle mille sfaccettature, ma il 25 novembre deve essere ogni giorno in ogni famiglia e in ogni contesto''.
Anna Pizzigalli ha infine dato lettura di una poesia scritta da Frida Kahlo dedicata alle donne:
Ti meriti un amore

Ti meriti un amore che ti voglia
spettinata,
con tutto e le ragioni che ti fanno
alzare in fretta,
con tutto e i demoni che non ti
lasciano dormire.Ti meriti un amore che ti faccia
sentire sicura,
in grado di mangiarsi il mondo
quando cammina accanto a te,
che senta che i tuoi abbracci sono
perfetti per la sua pelle.

Ti meriti un amore che voglia ballare
con te,
che trovi il paradiso ogni volta che
guarda nei tuoi occhi,
che non si annoi mai di leggere le
tue espressioni.

Ti meriti un amore che ti ascolti
quando canti,
che ti appoggi quando fai la ridicola,
che rispetti il tuo essere libera,
che ti accompagni nel tuo volo,
che non abbia paura di cadere.

Ti meriti un amore che ti spazzi via le
bugie
che ti porti il sogno,
il caffè
e la poesia.


Frida Kahlo
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco