Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 363.972.345
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/11/20
Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 25 µg/mc
Valmadrera: 26 µg/mc
Scritto Sabato 21 novembre 2020 alle 14:34

San Zeno: si è spento don Mario Cogliati. Il suo un itinerario di fede lungo tutta Italia

La comunità di Olgiate Molgora in lutto per la scomparsa di don Mario Cogliati.
Originario della località di Monticello, dov'era nato il 23 febbraio del 1946 nella cascina ''La vigna'', l'anno prossimo avrebbe festeggiato il 50esimo anniversario di sacerdozio dopo quello che la parrocchia di San Zeno, alla quale era particolarmente legato e dove aveva celebrato la sua prima messa il 19 dicembre del 1971 a seguito dell'ordinazione, ha definito ''un itinerario di fede lungo tutta Italia''.

Don Mario Cogliati

Un percorso, quello del sacerdote olgiatese scomparso nelle ultime ore, sviluppato infatti in tante tappe e in città come Roma, Perugia, Firenze e Bari.

Di seguito la nota diffusa dalla parrocchia di San Zeno in ricordo di don Mario.
Don Mario, un itinerario di fede lungo tutta l’Italia

Don Mario nasce nella cascina “La Vigna” di Monticello il 23 febbraio 1946, ottavo figlio di papà Francesco, muratore, e mamma Lina, casalinga, i quali si occupano con dedizione assoluta al mantenimento e alla cura della numerosa famiglia, che nel frattempo si allargherà ancora (11 figli).
Se i genitori rappresentano un riferimento nella crescita materiale, altre due figure sono fondamentali nella crescita spirituale del piccolo Mario. Si tratta di don Giuseppe Scotti, cappellano di Monticello, che lo stesso don Mario definisce “sacerdote austero, ma con un cuore di vero educatore”, e la zia Ernesta, catechista a Monticello e fulgido esempio di umiltà e preghiera.
I primi sette anni trascorrono serenamente fino alla morte prematura di papà Francesco nel 1953. Le precarie condizioni economiche della famiglia inducono mamma Lina, dietro suggerimento di don Federico Perego, cugino di Mario e prete guanelliano, ad affidare il piccolo Mario ed il fratello Silvio alle cure del collegio “Manzoni” dell’Opera Don Guanella di Lecco.
Nella sua nuova famiglia guanelliana matura la vocazione sacerdotale di Mario, tra Chiavenna, Anzano del Parco e Barza d’Ispra, dove egli emette la sua professione religiosa (1964).
Dopo la maturità classica ed esperienze educative nelle case guanelliane di Gozzano e Anzano del Parco, nel 1968 Mario entra nel seminario teologico di Chiavenna, che conclude a Roma.
Il 18 dicembre 1971 don Mario viene ordinato sacerdote da Mons. Teresio Ferraroni nel Santuario del Sacro Cuore di Como. Il giorno seguente egli celebra la prima Messa a San Zeno, mentre a Monticello celebra il giorno di Natale.
Riassumiamo ora le numerose tappe dell’itinerario sacerdotale di don Mario:

Anni Località Incarico
1972-1972 Roma-Aurelio Licenza c/o Università Pontificia “Angelicum”
1972-1976 Roma Montesacro Educatore in Istituto 2000 ragazzi difficili
1976-1983 Naro (Agrigento) Educatore in Istituto 70 ragazzi famiglie povere
1983-1987 Roma Vice Parroco Basilica S. Giuseppe al Trionfale
1987-1992 Naro (Agrigento) Superiore in Istituto per ragazzi famiglie povere
1992-1994 Bari Parroco
1994-1997 Alberobello (Bari) Direttore casa formazione aspiranti sacerdoti
1997-2000 Roma Vice Rettore Seminario Teologico
2000-2001 Tirano (Sondrio) Supplenza presso Santuario
2001-2006 Firenze Vice Parroco
2007-2017 Perugia Superiore “Centro Sereni” per disabili
Vice Parroco Perugia-Montebello
2017-2019 Firenze

La breve infanzia, povera ma felice, del piccolo Mario pare riflettersi nel suo cammino sacerdotale, buona parte del quale è stato donato ai ragazzi e persone più fragili, nel corpo e nello spirito, come se nel volto di queste ultime don Mario riconoscesse se stesso e il proprio dolore di bambino, strappato troppo presto agli affetti della propria famiglia, e volesse ridonare la stessa felicità ai fratelli più deboli, benevolmente accolti nella famiglia guanelliana.

La Comunità di Monticello e la Parrocchia di San Zeno sono vicini alla famiglia in questo triste momento
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco