Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 438.720.128
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 20 novembre 2020 alle 17:11

Catena di solidarietà per il signor Gilardi

Egregio Sig. Sindaco Milani,
anzitutto grazie!
Ho letto le Sue parole di ieri (https://www.merateonline.it/articolo.php?idd=105287&origine=1&t=Airuno%2C+il+comunicato+del+sindaco%3A+ho+parlato+con+l%27amministratrice%2C+Gilardi+sta+benee) e La ringrazio per essersi interessato e per averci confermato che il Professore “sta bene ed è tranquillo”.
Grazie anche per aver avuto la forza di aggiungere che “Il Professore chiede di poter tornare presso la Sua abitazione”.
Lo immaginavamo ed ora ne abbiamo la conferma.
A questo proposito, dato che il principale ostacolo pare riconducibile alle condizioni della Sua abitazione, previo immaginabile benestare dell’Avv. Barra e se necessario del Giudice, Le chiedo di provare a verificare se in Paese e nei dintorni, non si riesca a costruire un gruppo di “volenterosi” che in tempi record proceda a compiere gli interventi necessari. Sono sicuro che si scatenerebbe una catena di solidarietà (penso ad esempio a tutto il mondo delle associazioni) ed il problema sarebbe presto risolto. Io stesso sarei da subito pronto a donare un mio contributo, anche manuale, dedicando buona parte del mio (poco) tempo libero.
Credo infine che anche l’immagine di Carlo abbia bisogno di essere tutelata. Leggo oggi su “Merate on line” questo titolo:
Airuno: una decina di persone indagate per circonvenzione di incapace su Gilardi”.
Chi l’ha detto che il Professore è “incapace”? io non ne sarei così convinto. Ed inoltre non sono un Avvocato ma mi pare che esistano anche reati diversi, come la truffa ex art. 640 del codice penale, che si concretizzano quando una vittima, non incapace, viene raggirata.
Spero che il Professore non abbia modo di leggere questi articoli, perché immagino che non gli farebbero molto piacere.
Forse, in tal senso, sarebbe il caso di chiarire che nonostante le ipotesi di reato e le indagini in corso, ad oggi il Professore non è “incapace”. O sbaglio?
Per tutte queste ragioni metto in conoscenza anche la Procura della Repubblica di Lecco, l’Amministratore Avv. Elena Barra ed infine la redazione di Merate online.
Con rispetto e gratitudine nei confronti di tutti i destinatari, rimango a disposizione e scusatemi se, per informazioni che non conosco, i miei appelli sono irrealizzabili.
Dott. Nico Gilardi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco