Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 363.979.549
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/11/20
Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 25 µg/mc
Valmadrera: 26 µg/mc
Scritto Martedì 17 novembre 2020 alle 16:09

Olgiate: R-Esistibile torna sul palco online il 20 novembre

Con l'idea di rimettere in circolo un po' di bellezza e di continuare con il suo lavoro di attore di teatro indipendente Stefano Panzeri, classe 1976, ha dato il via al progetto R-Esistibile Teatro, una rassegna di letture e monologhi tratti dal diario di Sergio De Meo, un uomo normale classe 1921 di Lecco, che ha messo nero su bianco la sua vita.

Stefano Panzeri
Gli spettacoli sono trasmessi via Zoom. Il tentativo di Panzeri in questo periodo di emergenza è di cercare di portare avanti comunque un progetto teatrale, non solo per continuare a fare il proprio mestiere come molte categorie inevitabilmente penalizzate da questa situazione, ma per creare momenti di scambio e condivisione con altre persone, attorno ad uno spettacolo, come succede solitamente teatro.
Nonostante il canale freddo del web durante la prima trasmissione, lo scorso 17 novembre, si è creata un'atmosfera molto commossa e condivisa tra gli spettatori, che dopo lo spettacolo hanno rivolto molte domande a Stefano e si sono confrontati anche tra di loro su quando appena ascoltato. Questo modo di fare teatro, estremo per certi versi, ha inoltre permesso a tante famiglie con bambini piccoli di godere di uno spettacolo dopo tanto tempo, dato che anche in tempi di non emergenza districarsi tra gli impegni è sempre molto complicato. Tra il pubblico c'erano anche diversi pensionati 'smart', ormai avvezzi al web, amici e giovani, desiderosi di un momento di pausa dal lavoro on line e di contenuti culturali. C'è stata la sensazione che questo modo così inusuale di fruizione del teatro abbia riacceso l'interesse del pubblico verso il teatro stesso. Forte del buon esito del primo episodio Stefano sta lavorando alla parte 2, che andrà in scena venerdì 20 novembre alle 21.00.
Non mancheranno le novità in questo secondo appuntamento. Ci sarà un accompagnamento musicale dal vivo a cura di Simone Riva, musicista noto in zona grazie anche alla sua appartenenza al gruppo Dona flor. Simone sta realizzando le musiche ad hoc per venerdì e ha accolto e fatto sua l'intenzione di Stefano di non fermare la condivisione di bellezza, ad ogni costo.
L'altra novità è l'intervento di Riccardo Cogliati, un amico che ha sposato il progetto e contribuisce a farlo funzionare la sua sensibilità artistica, anche per chi si sarà perso le puntate precedenti.
Gli spettacoli di R-Esistibile teatro seguono delle regole, alcune decise da Panzeri, altre date dalla situazione. Gli episodi non sono registrati, perché è pur sempre teatro ed il teatro è 'qui e ora', si perde la vicinanza tra spettatori e con gli spettatori, ma resta l'unicità del momento e la necessità poi di scambiare due parole e condividere altre storie dopo lo spettacolo. Non si sentono tossire i vicini di poltrona, perché tutti i partecipanti vengono messi su 'mute', ma si può bere un bicchiere di vino e sgranocchiare qualcosa senza disturbare! Si paga un biglietto e si resta comodi sulla propria poltrona, ma poi ci si ferma a chiacchierare e a raccontare.


REASON WHY
In questi tempi duri per tutti, da tutti i punti di vista, e che si prospettano ancora lunghi, è ora di reagire. È ora di tornare a cercare la bellezza, di creare dei momenti di pace, stimolanti, per stare bene, che siano fonte di pensieri costruttivi e creativi. Ad ogni costo. Questa è una necessità per chi porta in giro la bellezza, non si può interrompere la produzione, altrimenti ci ammaliamo tutti davvero, ed è una necessità per chi ne fruisce, perché la bellezza ci dà la carica e ci spinge a produrne altra. Chi la produce infatti lo fa anche un po' per sé, per godere della bellezza che dà la felicità di chi la riceve. Chiaro no? Un artigiano costruisce il suo manufatto e mentre lo fa non sta forse pensando a quanto sarà felice chi lo comprerà e si porterà casa un pezzo unico, scelto con cura e costruito con arte? Persino Geppetto alla fine è rimasto contento!
Tutto questo rischia di perdersi in questi mesi bui, in effetti mancano le basi per pensare alla bellezza, perché la bellezza è superflua, la felicità è superflua, ora dobbiamo pensare a non ammalarci, a non far ammalare ogni persona che incontriamo e a tenere in piedi la casa, la famiglia e il frigorifero. Sono emergenze e necessità di ognuno di noi, indipendentemente da chi siamo e dal lavoro che svogliamo.
Con R-Esistibile teatro vogliamo provare a ricominciare a condividere bellezza, per avere un po' più di energia che faccia poi funzionare tutto il resto. Ritrovarsi con altre persone, ascoltare una bella storia e poi poter scambiare due parole su quello che si è appena ascoltato, può far ripartire il meccanismo della creazione di bellezza a cui tutti noi dobbiamo dare il nostro contributo. Siamo sicuri che nonostante i mezzi inadeguati a questo scopo funzionerà, perché ci saranno degli esseri umani dietro ad ogni freddo schermo. R-Esistibile Teatro Stefano Panzeri e Michela Mannari

STEFANO PANZERI
Attore di teatro, da tempo ha dedicato la sua produzione artistica alle storie degli esserti umani. Prima con Vincenzo Rabito, un semianalfabeta siciliano del 1899 il cui diario è stato pubblicato da Einaudi col titolo TERRA MATTA e che Stefano ha trasformato in 4 monologhi che dal 2015 porta in giro per l'Italia e per il mondo.
Lo scorso inverno ha realizzato MI RACCONTO, un progetto di raccolta di memorie che ha portato all'incisione di una serie di CD che si possono ascoltare presso la Biblioteca di Olgiate Molgora. Il progetto è stato sostenuto dal Comune, con le storie di vita dei cittadini che hanno voluto regalarle, dopo un breve seminario di autonarrazione condotto da Stefano.
Ha da poco debuttato con NEL VENTRE, tratto dall'omonimo romanzo di Sergio Claudio Perroni, la storia delle ultime ore dei soldati nascosti nella pancia del cavallo di Troia, i loro timori, le aspettative, l'adrenalina e la paura degli uomini, dentro a quella macchina di legno.
Dal 13 novembre 2020 continua il suo viaggio nelle storie con una serie teatrale a puntate. Brevi letture dal diario di SERGIO DE MEO, trasmesse in diretta da luoghi suggestivi di questa nostra verde e bellissima Brianza, con i colori evocativi dell'autunno e intorno il silenzio che li abita in queste settimane.

SERGIO DE MEO E IL SUO DIARIO
Classe 1921 residente a Lecco, ha sette figli e una volta conclusa la guerra a cui prende parte, diventa professore di lettere, professione a cui si dedica fino al pensionamento.
Il testo. Sergio ha raccontato la sua vita di soldato, i bui anni della guerra con uno stile curato, una prosa fine, d'altri tempi, senza tuttavia edulcorare  mai la crudezza di alcune sue esperienze e senza  perdere mai il contatto con la realtà. È lo scritto di un giovane desideroso di avventure, ma al contempo alle prese con il suo primo allontanamento dal nido famigliare, un giovane che sente il dovere di servire la patria, di emulare l'esempio del padre impegnato in Marina, ma che, in alcune occasioni, come ognuno dì noi, si trova, seppur a malincuore, a dover mettere da parte i grandi valori per salvarsi. Uno scritto infine in cui L'amore per il teatro, la letteratura, l'opera e la poesia - arti  nelle quali si cimenta anche come autore oltre che esserne un attento studioso e fruitore- accompagna  il giovane, fragile soldato e funge da viatico durante i bui anni del fascismo della guerra e da ancora di salvezza contro la deriva dell'annichilamento interiore del soldato prima e del prigioniero poi.

INFORMAZIONI PRATICHE
R-Esistibile TeatroEpisodio 2 20 novembre 2020 ore 21.00 Costo di partecipazione 10 euro, inteso a connessione, non a persona Prenotazione obbligatoria scrivendo a resistibileteatro@gmail.com
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco