Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 374.190.122
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 18/01/2021
Merate: 106 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 90 µg/mc
Lecco: v. Sora: 70 µg/mc
Valmadrera: 97 µg/mc
Scritto Mercoledì 04 novembre 2020 alle 17:24

Merate: ai ragazzi dell’Agnesi e alla loro civile manifestazione di dissenso

Abbiamo atteso prima di scrivere poche righe, giusto per avere conforto dai lettori del nostro pensiero, ossia che i ragazzi del liceo Agnesi di Merate che hanno organizzato il sit-in all’esterno dell’istituto scolastico per chiedere, legittimamente – e a nostro parere giustamente – che le lezioni fossero tenute parte in presenza e parte a distanza, abbiano operato una lodevole iniziativa, degna della loro intelligenza e del senso del dovere.

E proprio per questo non comprendiamo l’intervento dei carabinieri. Ma che cosa facevano di sbagliato questi ragazzi? Non davano alcun fastidio, rispettavano le distanze fra loro e, soprattutto, protestavano civilmente in questa che pare essere ancora una democrazia sia pure mortificata una settimana sì e l’altra anche dai Dpcm.

I militari hanno preteso di identificare i ragazzi costringendoli a sloggiare prima col pretesto dell’assembramento poi con quello dell’occupazione di suolo pubblico. L’avvocato Franca Maggioni – non diciamo il sindaco perché sarebbe troppa grazia sant’Antonio – assessore con delega all’istruzione non ha mai nulla da dire?

Deve essere un giornale a prendere le difese degli studenti? E ai carabinieri diciamo: non sarebbe stato più opportuno portarsi in piazza dove si svolgeva il mercato e gli assembramenti sono inevitabili? Oppure fuori da qualche bar del centro?

Francamente non riusciamo proprio a comprendere il perché di certe iniziative, chi le ispira, chi le ordina, a quale logica rispondano. Certo è semplice far sloggiare i giovani che di sicuro non oppongono alcuna resistenza. Né occorrono indagini per portarsi in via dei Lodovichi. E’ molto semplice . . . . .
Claudio Brambilla
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco