Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.733.661
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Giovedì 29 ottobre 2020 alle 19:15

Piazza: ''RFI non prevede investimenti fino al 2024''. Con buona pace delle Olimpiadi

In un "esclusivo dossier" pubblicato da un settimanale, si dava per possibile, anzi probabile, la realizzazione del prolungamento della tangenziale Est da Usmate a Calolziocorte per una spesa stimata di 1,3 miliardi (che sarebbe sicuramente lievitata a almeno 2 miliardi). Un'opera gigantesca che andava (o andrebbe) inserita tra quelle in vista delle Olimpiadi invernali del 2026. Ma tanta attenzione per il lecchese non sembra esserci. Almeno sul piano del trasporto su rotaia. Il consigliere regionale Mauro Piazza, infatti informa con un comunicato la sostanziale indisponibilità di Rete Ferrovie Italiane (RFI) a inserire le linee lecchesi nel piano degli investimenti strategici previsti fino al 2024. Ecco il comunicato del Forzista lecchese.

 

Il consigliere Mauro Piazza
"Oggi in V Commissione del Consiglio regionale lombardo vi è stato l'incontro con Maurizio Gentile, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete ferroviaria italiana, in merito al cronoprogramma degli interventi previsti sulla rete ferroviaria lombarda e sulle risorse ad essi destinate. Durante l'audizione ho richiesto all'amministratore di RFI un approfondimento su tutta la rete ferroviaria di propria competenza che attraversa l'intera Provincia di Lecco e quali sono i prossimi interventi previsti in vista soprattutto delle prossime Olimpiadi del 2026.

Purtroppo devo costatare che il nostro territorio è stato marginalmente considerato dai progetti di sviluppo strategici previsti fino al 2024. Con amarezza non si può che prendere atto che evidentemente RFI non considera strategico lo sviluppo dell'asse infrastrutturale che attraversa la nostra provincia, nonostante il nostro territorio sarà un passaggio obbligato per chi vorrà assistere e partecipare al grande evento olimpico del 2026.

Se si vuole fare sviluppo della mobilità sostenibile attraverso l'eliminazione di qualche passaggio a livello e la sostituzione di binari, per di più solo in Valtellina e sul nodo di Carnate, non si va da nessuna parte; serve un piano generale di sviluppo per il 2026, Regione ha investito 2 milioni di euro per l'eliminazione del passaggio livello a Bellano, ora però serve un salto in avanti, Rfi ci dimostri serietà.

Regione continuerà a seguire con attenzione anche il processo di elettrificazione della linea Lecco-Como, un progetto, a detta dell'Amministratore di Rfi, di cui oggi è in fase di ultimazione l'elaborato tecnico: un passaggio importante che permetterà di individuare e quantificare le risorse necessarie per fare quest'opera. In vista delle Olimpiadi 2026 mi attiverò per cercare di sollecitare Rfi nell'iniziare la progettazione del raddoppio della Linea Lecco-Bergamo, un necessario e importante sviluppo che permetterà di collegare al meglio il nostro territorio e di conseguenza la Valtellina all'aeroporto di Orio al Serio, il principale hub aeroportuale dell'evento olimpico.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco