Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.619.832
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 26/11/20

Merate: 88 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 56 µg/mc
Lecco: v. Sora: 44 µg/mc
Valmadrera: 69 µg/mc
Scritto Mercoledì 28 ottobre 2020 alle 08:31

Didattica a distanza, se non ora quando?

Gentile Redazione, sono genitore di un'alunna frequentante la quinta classe presso l'ITS Viganò, una scuola che purtroppo ha presentato quasi da subito diversi casi di contagio fra i ragazzi, vedendosi quindi costretta a mettere in quarantena diverse classi.

Ora, durante lo scorso lockdown questo stesso Istituto ha provveduto ad organizzare la Didattica a Distanza, ed i nostri figli hanno brillantemente superato il periodo, senza perdere l'anno scolastico e senza correre inutili rischi dettati dalla presenza in classe, dall'uso dei mezzi pubblici e quant'altro.
Ricordo anche che la chiusura delle scuole fu la primissima azione intrapresa dal Governo per cercare di contrastare l'evoluzione della pandemia.

Ad oggi però, quando l'ultimo DPCM chiede un minimo del 75% di DAD, e la Regione Lombardia auspica il 100%, chiedo al Viganò perchè l'ultima circolare per il triennio obbliga a due giorni di presenza su 6?
Come genitore non vorrei rischiare la salute di mia figlia sapendo che esistono comunque soluzioni alternative "di emergenza" sia chiaro, ma che comunque funzionano e hanno dimostrato di essere una valida opportunità.
Fortunatamente la situazione è molto fluida, le cose cambiano, purtroppo in peggio, da un giorno all'altro ed è molto probabile che anche questo calendario fissato per le due settimane entranti finirà per essere superato e travolto dagli eventi sanitari.
Se così non fosse mi riservo comunque di valutare se mandare mia figlia a scuola, con i rischi annessi, oppure di cercare soluzioni diverse che questo Istituto al momento non è in grado di fornirci.
Cordialmente
Un papà
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco