Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 394.630.514
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/05/2021
Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Scritto Giovedì 22 ottobre 2020 alle 11:49

Olgiate: fibra ottica ed altre panzane

Pierantonio Galbusera
Egregio Direttore,
approfitto di questo mio articolo che cortesemente Le chiedo venga pubblicato, per manifestare a Lei ed alla sua compagna Luisa, la mia personale solidarietà per l’increscioso episodio di intimidazione di cui siete rimasti vittima.
Con il pezzo che segue vorrei replicare ad una serie di articoli su vari argomenti relativi al ns paese Olgiate Molgora, cui il vs. giornale giustamente pubblica, che però non trovano alcun contraltare se non quando ci si trova in C.C. a discutere e discernere su quanto codesta Amministrazione guidata dal sindaco Bernocco sta bene o male portando avanti.
E’ noto che i C.C. non sono affatto seguiti dalla popolazione, una volta votato, la maggior parte della gente se ne sbatte di quello che avviene o di quello che si prospetta per il futuro, quindi le ns. proposte o critiche vengono raramente recepite dalla popolazione, soprattutto in questi periodi di Pandemia, dove è vietato fare assemblee, raggruppamenti od incontri pubblici.
Vengo pertanto al dunque per manifestare una certa insofferenza su quanto viene detto e taciuto in queste interviste/articoli che ho sopra citato.
Partiamo ad esempio dalla posa della Fibra Ottica ad Olgiate; questa situazione si è trasformata in barzelletta, con continui annunci di date e continue smentite, dopo di che, quando non si sa più cosa dire, si passa ad accusare la società OPEN FIBER che è titolata dal Governo Italiano per effettuare la posa della Fibra Ottica su una vastissima area del territorio Italiano.
Da quanto si evince dalle dichiarazioni dell’Assessore incaricato Sig. Fratangeli, noto per dichiarare in pubblico date e scadenze che poi regolarmente vengono smentite, sembrerebbe che la colpa sia di OPEN FIBER che non ha ottemperato alle richieste dell’Uff. Tecnico comunale.  La verità è che OPEN FIBER ha privilegiato i lavori laddove le Amministrazioni non hanno messo i bastoni tra le ruote.
E’ una scelta meramente tecnica, dovuta all’immenso lavoro che si deve fare per cablare il ns territorio (Italia), per rimanere nei tempi che il Governo ha indicato a questa società per l’effettuazione del cablaggio a livello nazionale. La posa della fibra non costa nulla di fatto al ns. comune!
Vantarsi in C.C. che noi ad Olgiate siamo molto bravi e vogliamo mettere i puntini sulle i, mentre presso gli altri comuni si lavora superficialmente, consente ad OPEN FIBER un alibi perfetto per distrarre i lavori da un’altra parte in attesa che tutti i documenti vengano redatti alla perfezione.
Lasciamo stare poi il caso in cui il comune indicò una certa zona per installare la centralina che doveva servire Olgiate e Calco, scoprendo poi che tale zona era in comodato d’uso per una nota azienda nazionale di trasporto di gas attraverso il gasdotto!! E qui già non ci siamo!
Lasciamo stare ancora che a Calco si fecero carte false per riuscire a staccarsi da questa spirale perversa che avrebbe rallentato tutta la fase di collaudo della fibra già installata ( E si a Calco sono superficiali si sa!), riuscendo a far posizionare una nuova centralina per i soli utenti di Calco che ora in questa situazione di emergenza ne possono beneficiare.
Il risultato è che intanto ad Olgiate gli utenti dovranno aspettare non solo la fine del 2020 ma anche probabilmente la fine del 2021 per avere tutta la fibra cablata e funzionante con buona pace di tutti, specialmente in questo periodo di segregazione forzata che abbiamo e stiamo ancora traversando, per gli studenti e lavoratori che dovranno utilizzare internet con lo smart working etc.
Per le società ed imprese locali che con questa pandemia utilizzeranno sempre di più i servizi online.
Ritornando all’articolo sul vs. giornale on-line si evince che l’Uff. Tecnico dopo molto tempo avrebbe preso in mano la situazione ed avrebbe risolto la situazione! Come avrebbe potuto fare OPEN FIBER questo tipo di progetto se l’Amministrazione non dava risposte, e l’area destinata in precedenza alla centralina venne rigettata perché alla fine OPEN FIBER, visti i tempi biblici per ottenere l’accesso a quell’area in comodato d’uso, aveva trovato una soluzione alternativa con Calco.  
Mi fermo qui per il momento ma oltre a questa faccenda ve ne sono molte altre che meritano di essere messe in evidenza ed a conoscenza di tutta la popolazione; per le quali la ns. Amministrazione si sta facendo valere per la sua “determinazione e rapidità”.
Si potrebbe fare un bell’ elenco e per ognuno di questi argomenti, se mi consentirà di pubblicarli, inizierò a scrivere un copioso articolo alternativo a quanto ufficialmente codesta Amministrazione va dicendo ormai da 4 anni senza che le cose si siano mosse di un millimetro.
E’ questa l’Olgiate che Cambia?
Cordiali saluti
Pierantonio Galbusera - consigliere 'Uniti per Olgiate'
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco