Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 365.079.071
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 29/11/20

Merate: 55 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 38 µg/mc
Lecco: v. Sora: 35 µg/mc
Valmadrera: 43 µg/mc
Scritto Giovedì 15 ottobre 2020 alle 17:03

Lario Reti Holding: continua la razionalizzazione delle partecipate idriche

Concluso l'iter di incorporazione di ASIL e VALBE (rami lecchesi) e AUSM (ramo idrico) in Lario Reti Holding

Lelio Cavallier, Presidente di Lario Reti Holding S.p.A
Si è concluso, con efficacia a far data dal 14 ottobre, un nuovo step nel percorso di razionalizzazione delle partecipate idriche in Provincia di Lecco: l'incorporazione di ASIL e VALBE (rami lecchesi) e AUSM (ramo idrico) in Lario Reti Holding.
L'obiettivo perseguito con la fusione è la riunificazione in unico soggetto della gestione del Servizio Idrico Integrato e della proprietà delle reti e degli impianti strumentali per l'esecuzione del Servizio nel territorio provinciale di Lecco.
Il progetto di fusione, approvato dai soci delle quattro società, è stato in precedenza approvato dagli organi amministrativi e discusso nei Consigli di tutti i Comuni coinvolti.
"L'operazione - fanno sapere da LRH - è conforme agli obblighi introdotti dal Testo unico società a partecipazione pubblica (approvato con d.lgs. 175/2016 e modificato con d.lgs. 100/2017) che prevedono la razionalizzazione, anche mediante fusione, delle società che svolgono attività simili a quelle svolte da altre società partecipate dagli enti pubblici, il contenimento dei costi di funzionamento delle società e, in generale, l'aggregazione tra società pubbliche che svolgono attività di interesse generale consentite dalla legge (art. 20, comma 2, Testo unico)".
"Incorporando i rami lecchesi di VALBE e ASIL, quello idrico di AUSM e in precedenza Idrolario, il Consorzio Olginate e Valgreghentino e Adda Acque, abbiamo mantenuto fede all'impegno preso con l'Ufficio d'Ambito nel 2016 con l'affidamento del Servizio Idrico Integrato- riferisce Lelio Cavallier, Presidente di Lario Reti Holding S.p.A. - La riunificazione in un unico soggetto della gestione e della proprietà di reti e impianti del Servizio Idrico Integrato lecchese permetterà di evitare ridondanze e ridurre i costi di gestione, aumentando le possibilità di investimento e di miglioramento del servizio".
In futuro è prevista un'ulterioreoperazionesocietariadi minore entità, che porterà alla dismissione delle quote societarie di Lario Reti Holding ad oggi di proprietà dei Comuni comaschi, nonché la cessione a Como Acqua di impianti e reti presenti sul territorio dei Comuni soci in Provincia di Como.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco