Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 460.713.429
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 14 ottobre 2020 alle 12:23

Ronco: il Comitato 1988 sospende l'attività

Posta in risalto la causa della Nuova Ronchese, obiettivo prefisso fin da subito e per cui è nato ufficialmente lo scorso agosto, il "Comitato 1988 non spegnerete il sogno" ha scelto di "mettersi in standby", sospendendo la propria attività di supporto. Fedele al suo "mandato" e alle prerogative di ogni comitato, il gruppo di cittadini, attraverso un comunicato ha reso noto di aver sospeso quindi le sue attività. Un passo seguìto alla stipula della convenzione sottoscritta dalla Nuova Ronchese la scorsa settimana per l’assegnazione del campo comunale di Ronco Briantino, punto focale su cui fin dall'estate si era strutturata la controversia nata. Una diatriba che nel comunicato, tra le altre note, si dice aver travalicato i confini del comune ronchese, e aver portato nella fattispecie al Comitato la solidarietà di associazioni di paesi limitrofi. Il Comitato, che nei sostanziali due mesi scarsi di operatività ha dato vita anche a eventi di sostegno concreto alla causa bianco-viola, come la manifestazione pacifica del 4 ottobre scorso al campo di via Bonfanti, sottolinea il proposito di rimanere vigile sulla situazione, e di ritornare in campo se dovesse essere necessario.
Questo il comunicato integrale:
In questi mesi abbiamo sentito bufale su di noi, grandi come case, malelingue, fatti distorti o costruiti ad hoc, per spostare l'attenzione, abbiamo assistito alle mille forme repressive di un messaggio che volevamo portare.
Si sa, che quando porti un messaggio, una tematica, in modo forte e chiaro, inevitabilmente ne indichi i protagonisti, ed essendo questa tematica, una vera e propria ingiustizia, indichi a tutti "da chi dipende", non è mai colpa di chi racconta o denuncia un'ingiustizia (perché anche di questo siamo stati accusati), ma sempre, di "chi ne crea le condizioni", e non è colpa nostra se esiste un'associazione calcistica che sembrerebbe più un'azienda SpA con fine di lucro, oppure se esiste un'amministrazione che predispone regolamenti che favoriscono un pessimo esempio sportivo pericolosissimo per il futuro dei giovani Ronchesi, così come non è colpa nostra se l'amministrazione preferisce arroccarsi, fare il tifo, dare il 96% a chi fa business e solo il 4% a chi fa volontariato, non è nemmeno colpa nostra se per prendere un appuntamento con sua maestà la sindaca, devi avere il pedigree e, se ti va bene, la incontri dopo un mese, infine non è colpa nostra se noi ci muoviamo compatti, in modo trasparente, con iniziative pubbliche ed altri scelgono di strisciare tutta la vita di nascosto lavorando sotto sotto. Noi abbiamo solo "la colpa" di averle denunciate queste cose, perché non abbiamo nessuna intenzione di sottometterci, come fanno molti in paese, per avere in cambio quattro lenticchie, noi per i nostri figli, nipoti, per i nostri giovani Ronchesi, non vogliamo l'elemosina, vogliamo tutto! Vogliamo un'amministrazione che torni ad essere Amministrazione del bene collettivo non del bene privato o peggio ancora del proprio partito, la politica è un'arte nobile e va ricordato ai più faziosi in paese che il primo cittadino rappresenta tutto il paese non un partito. Detto ciò, siamo felicissimi di aver raggiunto l'unico vero obiettivo che ci eravamo prefissati: dare voce e risalto, il più possibile ad un'ingiustizia subita da un'associazione di Volontariato ronchese.
Oggi non ne parla tutto il paese, ne parlano tutti i paesi limitrofi, riceviamo solidarietà da altre associazioni anche di altri paesi, oggi la questione non è più un piccolo trafiletto o una chiacchiera nascosta nel paese confinante da parte di tre invasati, oggi la questione è in prima pagina sul giornale più importante della zona, finalmente abbiamo tolto dall'angolo l'ASD Polisportiva Nuova Ronchese.
In coerenza con il programma datoci, e con i risultati raggiunti, premesso che un Comitato nasce per morire, altrimenti saremmo un'Associazione o altro, sospendiamo le attività, proprio per restare fedeli al mandato, noi siamo sempre stati supporto ad un'idea di fare volontariato e sport, e non soffriamo di protagonismo, il supporto ha dato i propri frutti, quindi come dicono i giovani ci metteremo in modalità stand by, e come dicono i meno giovani saremo brace sotto la cenere mai spenta, mai morta e pronta a riattivarsi nel caso necessario, quindi ai più ostili a noi diciamo chiaramente: non dateci ancora per morti, perché vi terremo d'occhio, e questa non è una minaccia, è quello che ogni singolo cittadino dovrebbe fare nei confronti di qualunque amministrazione comunale e di tutte le istituzioni, con la presenza assidua e la partecipazione diretta! ...Altro che nausea, disinteresse, disimpegno ed antipolitica (come voi vorreste).

I ringraziamenti sono troppi, li faremo in modo autentico alla vecchia maniera: di persona a tutti coloro che
hanno contribuito al raggiungimento dell'obiettivo!

COMITATO 1988 NON SPEGNERETE IL SOGNO
M.L.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco