Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 364.158.322
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/11/20
Merate: 32 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 25 µg/mc
Valmadrera: 26 µg/mc
Scritto Lunedì 12 ottobre 2020 alle 17:48

Disastro Trenord e Ponte San Michele: lettera ai dirigenti di Rfi

Alla cortese attenzione dell'Amministratore delegato di RFI dott. Maurizio Gentile
Alla cortese attenzione del dott. Luca Cavacchioli

Buongiorno,
siamo a scrivervi per segnalarvi i costanti disservizi causati da Trenord sulla tratta Bergamo-Milano via Carnate.
Non è sicuramente una novità segnalare i disagi e i disservizi che, da anni, interessano questa linea. Dalla riapertura al traffico ferroviario del Ponte San Michele, però, questi disservizi si susseguono in modo costante e quotidiano con numerosissimi treni (soprattutto negli orari di punta) in ritardo o direttamente soppressi.
Questo sta mettendo in grandissima difficoltà i nostri pendolari, con i ragazzi che arrivano tutti i giorni in ritardo a scuola e gli adulti che arrivano tutti i giorni in ritardo sul posto di lavoro. Una situazione insostenibile e surreale e, sarete d'accordo con noi, non degna di una regione come la Lombardia e di una zona come la nostra, che si trova tra province fondamentali come quelle di Bergamo, Lecco e Monza e Brianza.
E a tutto questo si aggiunge la situazione del Ponte San Michele e le infinite code che si stanno formando a Calusco e Paderno d'Adda a causa dell'impossibilità di superare il ponte per le auto in concomitanza del passaggio del treno. Code che diventano ancora più lunghe anche a causa dei disagi causati da Trenord, con i pendolari costretti a riversarsi in strada per raggiungere la propria destinazione. Ci permettiamo di scrivere a voi anche a causa del silenzio costante sul tema da parte di Regione Lombardia. Inutile segnalarvi che la pazienza dei cittadini, che da anni pagano personalmente questi disservizi, è finita. Abbonamenti e biglietti pagati per un servizio che non esiste. Vi chiediamo, pertanto, di intervenire immediatamente per risolvere questa incredibile situazione di disagio, che non meriterebbe neanche un Paese del terzo mondo. Altrimenti sarà inevitabile assistere a iniziative di dissenso sociale e manifestazioni.
Grazie per l'attenzione che vorrete accordarci.
A disposizione,

I consiglieri comunali del gruppo Calusco Unita

Lino Cassese - Fabio Colleoni - Gilda Arzuffi - Dario Colleoni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco