Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 358.257.525
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 18/10/2020

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Lunedì 21 settembre 2020 alle 10:36

Ma con un'attenzione alla terra spiegano i fratelli Crippa, "come ci ha insegnato papà"

“In ogni occasione papà ci dice una cosa: ciò che conta nella vita è la terra…”. E loro, Cristiano e Roberto, hanno fatto tesoro del prezioso suggerimento del padre prestando grande attenzione ai temi ambientali ma anche sociali.  La Technoprobe infatti non è solo business, ma è anche impegno a favore dell’ambiente. E così accade che accanto alla futuristica azienda di via Cavalieri di Vittorio Veneto sia nato un orto sociale, curato dalla Cooperativa El Paso.


I fratelli Crippa insieme al papà

Questo è solo l'inizio della favola che i fratelli Cristiano e Roberto Crippa stanno scrivendo seguendo gli insegnamenti del papà Giuseppe, sia in azienda che nella vita. Del resto è grazie a una sua felice intuizione che nel 1993 nasceva in un garage quella che poi sarebbe diventata la Technoprobe.
Nelle scorse settimane l'azienda ha acquisito una vasta porzione di terreno attiguo alla sede di via Cavalieri di Vittorio Veneto e che comprende anche la vecchia Cascina Andegardo. Si tratta di un'area agricola che confina con l’orto sociale gestito dalla “El Paso”.



“L’intera area e anche la cascina verranno destinate ad un uso sociale – ci ha spiegato Roberto Crippa anticipando alcune idee sul suo futuro utilizzo - L'edificio è messo decisamente male ed è necessaria una radicale ristrutturazione. Stiamo valutando le diverse possibilità di utilizzo, ma di certo quello che abbiamo in mente è un uso sociale. La restante area invece verrà piantumata. Anche qui manca ancora un progetto preciso ma vorremmo che diventasse un bosco urbano, magari con un grande parco giochi nel verde aperto a tutti i bambini”.



Anche Cristiano è particolarmente orgoglioso di questa operazione.
“L’orto sociale attualmente dispone di un’area di 20 mila quadrati a cui ora si aggiungono altri 35 mila di terreno, oltre ai 15 mila metri quadrati su cui sorge la cascina. In questa area vogliamo valorizzare e mettere in pratica i suggerimenti di papà. Il suo attaccamento alla terra è per noi un grande esempio che stiamo concretizzando con questo intervento: vorremmo creare un bosco urbano aperto a tutti quanti amano la natura e la terra”. 
Ironia della sorte, l'area e la cascina si trovano tra la via Cavalieri di Vittorio Veneto e il terreno su cui l’impresa Valagussa ha annunciato tempo fa di voler realizzare l'impianto per la produzione di asfalto. Una decisione che ha suscitato vibranti proteste da parte di cittadini, associazioni e forze politiche.
Un'ipotesi che ora sembrerebbe tramontata definitivamente, anche se manca ancora l'ufficialità.
I timori per le conseguenze ambientali che un tale impianto avrebbe comportato saranno sostituiti dal  “rumore” di un bosco che cresce.
Angelo Baiguini
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco