Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 353.989.696
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/09/2020

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 25 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Mercoledì 16 settembre 2020 alle 14:16

Robbiate: gli artisti del progetto arteterapia del Grappolo 'esposti' al museo Bernareggi

Un anno e mezzo fa erano tra i protagonisti della mostra ''Come un pittore'', inaugurata in Villa Concordia nell'ambito della longeva collaborazione tra l'associazione ''Il Grappolo'' di Robbiate e l'atelier di Arteterapia di Lecco.


Raffaella Drusian (foto scattata in occasione della mostra ''Come un pittore''
inaugurata in Villa Concordia nel maggio del 2019)


Ora, come artisti che hanno intrapreso e consolidato il loro percorso, non più così in erba, Raffaella Drusian e Claudio De Besci, due ragazzi diversamente abili che da anni prendono parte al gruppo di arteterapia promosso dal sodalizio robbiatese, esporranno in un museo vero e proprio, tra i più prestigiosi di Bergamo. Al museo Adriano Bernareggio sarà infatti inaugurata nel pomeriggio di venerdì 18 settembre la mostra ''Forma Mentis'' a cura dell'associazione ''Collegamenti'' e in collaborazione con la Fondazione che gestisce galleria di via Pignolo a Bergamo.



Claudio De Besi

Nel maggio dell'anno scorso, quando Villa Concordia ospitò l'esposizione ''Come un pittore'', Raffaella e Claudio – rispettivamente di Verderio e di Robbiate - venivano raccontati dalle operatrici dell'atelier che collabora con il Grappolo con queste parole. ''Raffaella, ad esempio, viene da un passato artistico, conosce tecniche e materiali. Il suo percorso in atelier è basato sulla sperimentazione: assaggiare materiali e tecniche dell’arte sovvertendo le teorie classiche e stando a vedere che succede''.


Claudio, invece, era sul ''trampolino di lancio per diventare un artista a tutto tondo: ispirandosi al progetto Wurmkos, ha realizzato una sua camera dipingendo le tende e le lenzuola del letto con la narrazione di personaggi e storie''.
Di seguito invece, il comunicato dell'associazione Collegamenti, che descrive l'intento della mostra che vedrà tra le opere esposte quelle realizzate durante i sabati di arteterapia con il Grappolo a Robbiate:
Da anni l'Associazione Collegamenti, guidata dall’arteterapeuta Lianne Schreuder, si occupa di laboratori creativi per artisti con diversità, oltre ad iniziative a promozione dell’inclusione della diversità nella società nella convinzione che creatività ed arte sono fonte di espressione,mdi sentimento, di emozione che vanno oltre il linguaggio verbale e danno voce a chi, per una diversa abilità, fatica ad utilizzare i canali di comunicazione ordinaria.
La Fondazione Adriano Bernareggi è lieta di ospitare nella sede del Museo
Diocesano la mostra Forma Mentis, che presenta le opere realizzate nei laboratori di Collegamenti.
La mostra vuole offrire allo spettatore un’esperienza straordinaria, invitando a contemplare il mondo da una prospettiva ed interpretazione diversa. Per Collegamenti, “fare arte” significa creare opere che sono frizzanti, commoventi e, perché no, scombussolanti. L’arte permette agli artisti di Collegamenti di dare voce al loro vissuto che difficilmente viene espresso in maniera verbale. Queste opere d’arte colpiscono l’osservatore, in quanto mere rivelazioni del proprio Io e della propria anima.
La missione dell’Associazione è di favorire benessere, sviluppo artistico ed inclusione degli artisti. Nell’Atelier emerge un dialogo creativo fatto di segni sinceri e liberi da ogni costrizione. Le opere presentate sono il risultato della manifestazione di un dialogo non verbale. Il luogo protetto dell’atelier permette all’artista di comprendere, in maniera personale, elementi di vita quotidiana attraverso la pittura che, tra tutti gli stimoli confusionali, lo aiuta a trovare sicurezza.
Arte per stare bene: è importante sostenere l’artista sotto ogni suo più particolare bisogno.
Il creare artistico apporta benefici non solo all’artista stesso ma anche a chi accompagna il processo personalizzato di sviluppo del talento individuale e infine lo spettatore di fronte all’opera terminata, grazie al loro intrinseco significato non verbale.
Inclusione ed esternazione: attraverso mostre ed esibizioni d’arte, l’Atelier Collegamenti offre agli artisti con diversità la possibilità di esporre le proprie opere d’arte alla società di cui fanno parte.
Artoteca: la sostenibilità di Collegamenti è fondata sull’Artoteca. Si offre in prestito opere d’arte a scelta per un periodo definito.
L’esposizione e godimento del lavoro in spazi privati o aziende dona emozione diretta allo spettatore ed allo stesso tempo valorizza l’operato dell’artista e dell’Associazione. Questo progetto è nato con lo scopo di rendere visibile la diversità creando collegamenti tra il mondo normodotato e la disabilità.

ESPONGONO:
Raffaella Drusian, Claudio De Besi, Artisti dell’associazione “Il Grappolo” di Robbiate.
Andrea Fogaccia, Marco Delprato, Giuliano Petteni, Walter Falletta e Stefano e Bettinelli fanno parte del laboratorio di arte gestito da Lianne Schreuder presso lo Spazio Buratti, che vede la partecipazione di artisti del CDD (Centro Diurno Disabili) di Bergamo e CSE (Centro Socio Educativo) per Autismo del Comune di Bergamo, attualmente gestito dalla Cooperativa
Ser.E.Na.
Davide Gotti, e Antonietta frequentano l’atelier Collegamenti guidato da Lianne Schreuder.
FORMA MENTIS

19 settembre - 11 ottobre 2020
Museo Adriano Bernareggi
via Pignolo, 76 Bergamo
A CURA DI
Associazione Collegamenti
Fondazione Adriano Bernareggi
ORARI DI APERTURA
  • da martedì a domenica dalle 14 alle 1
CON IL CONTRIBUTO DI
Fondazione MIA
Lions Club Bergamo Colleoni

A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco