Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 353.509.417
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/09/2020

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 24 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Lunedì 14 settembre 2020 alle 18:55

Merate: camionista in pensione, Giovanni Bonfanti era un fungiatt esperto. Commozione tra gli amici del centro anziani



Aveva due grandi passioni Giovanni Bonfanti per tutti "Giuanin": i funghi e la sua famiglia, in particolar modo i tre adorati nipoti. Conosciutissimo in città dove era solito frequentare il centro anziani di piazza don Minzoni ma anche passeggiare per la piazza e fermarsi a scambiare due chiacchiere con gli amici di sempre, raccontando delle prodigiose "raccolte" di funghi in montagna, è morto proprio mentre si apprestava ad andare alla ricerca di questi frutti di cui era un profondo conoscitore. Sarà l'autopsia a stabilire se il decesso sia da ricondurre a cause naturali, dunque un malore che lo ha fatto stramazzare al suolo e poi scivolare lungo la scarpata accanto al sentiero che stava percorrendo a quota 1500 metri in provincia di Sondrio tra la Magnolta di Aprica e la val Belviso, oppure se siano state le ferite riportate dopo la caduta a risultargli fatali.
La tragedia potrebbe essersi consumata poco dopo l'arrivo in quota di Giovanni che pare avesse lasciato l'auto nel piazzale della funivia come faceva d'abitudine, avventurandosi poi per il bosco alla ricerca di quegli angoli "nascosti" e segreti che ogni fungiatt che si rispetti ha individuato negli anni e dove sa di poter andare a colpo sicuro nella raccolta.
Qualcosa però deve essere andato storto e quando i tecnici del soccorso alpino unitamente al personale della guardia di finanza lo hanno individuato, non c'era più nulla da fare. Erano diverse domeniche che Giovanni, classe 1946 nativo di Robbiate, residente nei condomini di via don Cesare Cazzaniga, si recava in montagna, alzandosi di buon mattino e poi immergendosi alla ricerca di funghi. Camionista in pensione era una persona piena di vita, allegro e di compagnia, così come lo ricordano in piazza gli amici rimasti sconvolti per la sua morte e che solo qualche giorno fa si erano fermati con lui a parlare appunto di funghi.
Articoli correlati:
13.09.2020 - Merate: cade mentre cerca funghi, muore Giovanni Bonfanti
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco