Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 353.500.019
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/09/2020

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 24 µg/mc
Valmadrera: 28 µg/mc
Scritto Lunedì 14 settembre 2020 alle 15:17

Bernareggio: la messa al CTL3 con Don Luca è un trionfo di pubblico

Un altro gradito ritorno a casa per Luca Raimondi, un amico di tanti nella Comunità Pastorale Regina degli Apostoli. Stavolta però, per la prima volta, in veste di monsignore. E in linea con l'umanità e semplicità che ha sempre trasudato, neanche ora a quanto pare sembra gradire tanto gli appellativi della nuova carica. L'attesa celebrazione eucaristica all'aperto al CTL3 di Bernareggio, domenica mattina, al netto del caldo insolito e delle misure di sicurezza per il Covid (mascherine comprese), ha riservato una grossa dose di buon umore, come sono stati abituati per 11 anni i fedeli della sua ex comunità. Forse quella a cui è più affezionato, perchè la più recente esperienza da prete "normale" prima delle nomine importanti, l'ultima a vescovo ausiliare di Feradi Maggiore, solo la scorsa primavera.


Un Monsignor Luca Raimondi che ha catalizzato su di sé i riflettori naturali del sole di settembre, con tanti piccoli messaggi e aneddoti divertenti quanto profondi, rivolti ai centinaia di presenti.
La riconoscenza per il bene che la sua ex famiglia gli ha sempre riservato, è venuta fuori all'inizio della funzione. "Quando rinunciate all'amore di una donna o di un uomo, come ho fatto io, ricordate che non si sta rinunciando all'amore. E la dimostrazione ce l'ho guardando quello che ho davanti oggi". Le sue pillole di vita hanno costellato tutta la celebrazione, anche sui temi che un cristiano di lungo corso potrebbe dare per assodati.




Il colpo d'occhio al campo e sulle tribune dell'impianto sportivo

Emblematico a questo proposito un passaggio su tutti. "Badate che la bestemmia non è quella che proferisce il contadino per un raccolto andato male, ma è quella che dico ogni volta pensando che Dio si debba piegare ad ogni mio desiderio, ed esaudirlo come un genio della lampada. E quante ne ho dette anche io di bestemmie così". Con la collaborazione di tutti, la cerimonia si è tenuta in maniera ordinata, nonostante l'alta temperatura e le restrizioni da Covid, ma ci ha pensato il gruppo degli Alpini di Bernareggio a rinfrancare i più deboli dalla pressa della calura, distribuendo bottigliette d'acqua senza sosta. Negli scampoli finali è rimasto anche lo spazio per qualche sorpresa simpatica per l'ex amato parroco, con la consegna di buoni benzina per soddisfare le sue frequenti uscite in macchina, e anche un momento d'intrattenimento da evento istituzionale, con il dispiegamento di frecce tricolore un pò particolari, che hanno invaso il campo del CTL3.



Le "frecce tricolori" al campo del CTL3

Insomma, come sempre, un grande ritorno per non dimenticare il bene che ha donato "don" Luca alla comunità in 11 anni, volati via troppo velocemente. Alla celebrazione abbellita da cori e un'orchestra da occasioni speciali, guidata da Luca Raimondi e tra gli altri concelebranti da don Stefano Strada, erano presenti oltre ai sindaci (o loro delegati) dei tre comuni della Comunità Pastorale e all'Arma, i volontari sanitari e la Protezione Civile. Un contributo importante da parte di tutti, per cui il monsignore si è sentito in dovere di ringraziare. Nel pomeriggio di una giornata indimenticabile per chi ha assistito alla cerimonia, immancabile il saluto dell'ex guida spirituale nelle realtà della famiglia Regina degli Apostoli, con un breve tour in mezzo alla gente che ha fatto tappa in ogni comune. Una famiglia che il religioso originario di Cernusco sul Naviglio ha guidato con amore e quella dose di carisma e il fare spesso scanzonato, che lo ha portato nei cuori di tanti brianzoli.
M.L.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco