Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 360.234.492
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 29/10/2020

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 21 µg/mc
Lecco: v. Sora: N.D. µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Sabato 12 settembre 2020 alle 17:03

Ronco: la Fabbrica delle idee in cerca di nuovi spazi per i corsi

Cercasi nuova location per tenere corsi annuali. Purtroppo, fra le numerose problematiche portate dall'onda Covid - le amministrazioni locali lo sanno bene - figura anche la carenza di spazi comunali, che richiedono le tempistiche necessarie per provvedere alla sanificazione dei locali, riducendo il periodo temporale di impiego effettivo degli stessi da parte delle realtà che ne fanno richiesta. A Ronco a farne le spese è in questo momento l'associazione La Fabbrica delle Idee, realtà sociale molto attiva e conosciuta anche nei paesi limitrofi, che da anni tiene impegnate persone di tutte le età in attività che svariano dal teatro alla danza. Una piccola istituzione locale, apprezzata dai palati di teatro più fini per l'organizzazione del Gran Galà che ogni anno intrattiene la platea del cineteatro Pio XII anche con spettacoli più impegnativi coadiuvati da professionisti. E proprio per questa nuova stagione, vista anche la buona risposta di utenza costantemente manifestata, l'idea era quella di inserire nel ventaglio dell'offerta nuove proposte. Peccato che gli spazi, già non abbondanti in precedenza, si siano ulteriormente ridotti. Da qui l'appello lanciato dal sodalizio.



"Fino a febbraio scorso, grazie alla concessione della Fondazione La Rosa d'Argento abbiamo utilizzato alcuni spazi della struttura - fa presente il presidente Nicola Natale - purtroppo la situazione generata dal Covid ci ha limitato molto lo spazio della palestra delle scuole elementari, che viene sfruttato anche da altre associazioni. Stiamo anche valutando la possibilità di utilizzare la chiesa vecchia, ma non è propriamente la sede ideale per fare attività di danza classica-gioco danza-propedeutica. Il problema è limitato per i laboratori di teatro, che vengono concentrati in un solo giorno al mercoledì presso la palestra della scuola primaria. La mancanza di spazi non ci dà la possibilità di crescere, e questo non è dovuto solo al fattore Covid ma era una situazione presente anche prima della pandemia. Come associazione avremmo in cantiere altre attività che ci piacerebbe proporre, come letture ad alta voce per i bimbi, danza-terapia, arte-terapia, modern jazz, contemporary, attività per la crescita e il benessere della persona rivolte a tutte le età: bambini, adolescenti, adulti, persone fragili (anziani, disabili fisici e psichici) gestanti e gruppi integrati. E ancora, massaggio infantile, ma anche seminari di approfondimento, workshop ed eventi teatrali e non. Avendo uno spazio appropriato tutto questo sarebbe realizzabile".
Di fronte all'evidenza di ambienti comunali che latitano, l'associazione si è già guardata intorno nei comuni limitrofi alla ricerca di spazi adeguati. Le iscrizioni già raccolte per l'anno, circa 20 per il teatro, e una cinquantina per la danza, non lasciano altra scelta che sconfinare. Almeno per il comparto danza, che necessita di 5 giorni per le lezioni settimanali. La speranza è che qualche amministrazione, vedendo i progetti che l'associazione ha in serbo, possa accogliere con entusiasmo la realtà sul proprio territorio, dandole così modo di attrarre anche nuove adesioni.
M.L.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco