Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 429.691.106
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 10 settembre 2020 alle 10:31

Lecco: esposto di USB per far luce sulle responsabilità di ASST nella gestione dell'emergenza Covid. Cusimano: scelte regionali operate in nome del profitto e non della salute


Sei pagine di esposto e 53 allegati sono stati depositati questa mattina alla Procura di Lecco da parte dei rappresentanti di USB Lombardia che, muniti di striscione, hanno voluto rendere palese il loro disappunto e la loro rabbia per quanto accaduto negli ospedali di Lecco, Merate e Bellano che hanno contato 347 morti, 331 positivi tra i lavoratori di ASST cui si aggiungono 70 del personale delle ditte esterne, nonchè 832 lavoratori in malattia tra marzo e aprile 2020.
Un'ecatombe, come è stata definita in più occasioni, sulla quale si chiedere alla magistratura di fare luce per accertare eventuali responsabilità nella possibile mancanza di adempimenti tempestivi e procedure di sicurezza così come nella dotazione agli operatori dei dispositivi di protezione.


CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE

Una situazione che, tuttavia, non investe solamente l'azienda lecchese ma tutta la Regione da anni, a detta di USB, sottoposta a tagli sulla sanità pubblica a favore di quella privata.

https://youtu.be/euBbJdBtLBc

"La Lombardia non ha saputo far fronte all'emergenza" ha commentato Paolo Cusimano rappresentante legale regione lombardi di USB "e lo ha fatto in modo peggiore rispetto ad altre regioni. Siamo in un territorio che ha pagato a caro prezzo le scelte operate negli ultimi vent'anni orientate al fattore economico e non alla salute. Sono stati distrutti i servizi territoriali e con le privatizzazioni non c'è stata la possibilità di avere il controllo sulle ditte che operavano in appalto sia a Lecco che a Merate e che inizialmente erano sprovviste di dispositivi di protezione adeguati. La sanità lombarda è stata gestita in nome del profitto e non della salute e i privati durante questa epidemia si sono rafforzati. Questo esposto vuole attaccare il sistema regionale che ha dimostrato di non funzionare".

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco