Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 358.259.220
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 18/10/2020

Merate: 36 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 31 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Mercoledì 09 settembre 2020 alle 13:31

Daily Tampon: a Merate messo a punto il tampone con risultato in 3 minuti

Dal cuore della Brianza ecco la soluzione per tornare a fare attività che non svolgiamo più da mesi e che può far ripartire settori fermi dal marzo scorso. La Allum di Merate ha ideato e realizzato il “Daily Tampon” (tampone giornaliero) che in soli tre minuti fornisce il risultato se il soggetto è positivo o negativo al Covid. In Italia non esiste nessuna soluzione di questo tipo, la Allum è la prima a realizzarlo, ha superato i test per l’approvazione da parte del Ministero della Salute e quindi ora è pronta a partire con la produzione.

Il Daily Tampon a fianco di un pennarello per far comprendere le dimensioni

Ma come funziona il Daily Tampon? Si prende un campione di saliva con un cotton-fioc, si appoggia quest’ultimo sul tampone e in soli tre minuti, grazie all’utilizzo congiunto di tre reagenti, il tampone restituisce il risultato come un test di gravidanza: risultato positivo due strisce, negativo una.
Avere un risultato in un tempo così ristretto è una soluzione rivoluzionaria per quei luoghi dove bisogna gestire un grande flusso di persone ogni giorno come ad esempio le scuole, gli ospedali e si può tornare ad avere il pubblico in settori che sono fermi, oppure operano “a porte chiuse”, come ad esempio lo sport o la musica.
Altro vantaggio del “Daily Tampon” è il prezzo molto contenuto rispetto all’attuale tampone, il prodotto creato in Brianza costa meno della metà di quelli che vengono attualmente utilizzati.

La dott.ssa Stefania Magni

La dott.ssa Stefania Magni è la titolare dell’azienda Allum di Merate che spiega come è nata l’idea: “Noi da 40 anni realizziamo sistemi di illuminazione, a inizio anno stavamo progettando delle lampade che potessero sanificare gli ambienti dal virus Covid-19, ma ci siamo resi conto che diventava un’operazione troppo lunga e onerosa. Durante il lockdown ci siamo chiesti come potessimo aiutare il Paese a tornare alla normalità nel modo più veloce possibile, quindi abbiamo iniziato a studiare insieme a Pasquale Vito, Professore di genetica dell’Università degli Studi del Sannio, e allo spin-off universitario Genus Biotech di cui è presidente, questo tampone giornaliero con risultato veloce e ora in soli tre minuti sappiamo se una persona è positiva o negativa al Covid. E’ un prodotto facilissimo da usare, è come un test di gravidanza, lo abbiamo testato su un campione considerevole di persone e abbiamo passato tutti i test del Ministero della Salute, ora possiamo andare in produzione. Abbiamo acquistato i macchinari, possiamo garantire la produzione di 20 milioni di pezzi l’anno. Inoltre, abbiamo voluto contenere i costi per permettere a chiunque di poterlo acquistare: dalle grandi organizzazioni fino alla singola persona che ad esempio lo tiene in casa e lo usa se deve far entrare un esterno alla famiglia”.

L’Ing. Massimo Biffi

Dietro a questo progetto rivoluzionario c’è anche l’ingegner Massimo Biffi che da bergamasco ha vissuto in prima persona il dramma del Covid: “Il “Daily Tampon” è la svolta per gestire situazioni che adesso sono impossibili da controllare. Il nostro tampone giornaliero permette in pochissimo tempo, e con un’altissima affidabilità, molto vicina al 100%, di avere un risultato e quindi riattivare tutta una serie di settori lavorativi, andando a creare delle zone “Covid free”. Mi immagino i tifosi fuori dallo stadio, mentre sono in coda ai cancelli possono essere testati e quindi poi farli entrare a vedere la partita oppure no. Inoltre, questo test non è così invasivo come quelli usati finora, serve solo un campione di saliva ed è molto economico”.

  • PER VISUALIZZARE LA SPIEGAZIONE SCIENTIFICA CLICCA QUI
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco