Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 359.115.103
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/10/2020

Merate: 31 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 20 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Martedì 08 settembre 2020 alle 18:32

Ronco: per il ''campo'' ora c'è l'avvocato e il 13 l'assemblea

Continua a tenere banco a Ronco la querelle sulla controversa assegnazione del campo comunale di via Bonfanti, e sui criteri adottati dall'amministrazione comunale Loukiainen per la ripartizione della fasce orarie settimanali alle associazioni richiedenti. Per la stagione che a conti fatti, con i primi allenamenti, è già partita. Le novità più recenti sul caso parlano di una Nuova Ronchese che, alla luce anche dei nulli spiragli offerti dall'esecutivo comunale di pervenire ad un compromesso, ha scelto di perseguire la via legale. Diversi i punti su cui fanno leva le rimostranze della Polisportiva.

Il campo comunale di via Bonfanti

Dall'impiego di criteri comunicati "ex post" dall'amministrazione, cioè solo a seguito della proposta firmata delle convenzioni alle due società interessate, fino alla discutibile presa in esame di altri (il principio del numero delle società iscritte alla FIGC, per esempio, non sarebbe richiesto nel modello di domanda che le associazioni devono compilare con la richiesta di uso del campo sportivo).
Secondo la società bianco-viola, inoltre, non sarebbero stati rispettati i principi espressi dal Regolamento Comunale per l'erogazione di "benefici" alle Associazioni, ossia: la capacità aggregativa in relazione alla presenza ed al radicamento nel territorio comunale, e l’incidenza sul territorio e nella comunità locale. Ma non è l'unico sviluppo del caso ronchese del momento. La società retta dal presidente Giuseppe Ripamonti, in questo frangente si è tutelata sportivamente scegliendo come alternativa alle sedute in paese della prima squadra, il campo comunale di Robbiate. Infine c'è da segnalare l'ultima iniziativa del "Comitato 1988 non spegnerete il sogno", che in con coerenza con quanto dichiarato nella sua assemblea costitutiva, per domenica 13 settembre alle ore 17, ha organizzato al campo dell'oratorio di Ronco, una riunione degli aderenti e di chi volesse sostenere la causa bianco-viola, aperta a tutti. L'evento sarà allargato anche ad altri temi connessi a quello conduttore del campo, quale ad esempio lo stato del volontariato in paese, per un confronto aperto sul terreno del sociale.

M.L.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco