Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 359.111.429
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/10/2020

Merate: 31 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 20 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc
Scritto Venerdì 04 settembre 2020 alle 15:50

Ronco: vespe alla scuola dell'Infanzia, interviene il comune

Un "difetto di nascita", si potrebbe definire, che adesso il comune si è però risolto a rimuovere una volta per tutte, per la sicurezza degli utenti della struttura. L'amministrazione Loukiainen si è infatti trovata a dover prendere atto, dopo un sopralluogo alla scuola dell'Infanzia di via Marconi, a Ronco, ad inizio luglio con i consiglieri comunali, che l'unica soluzione definitiva all'infiltrazione delle vespe dalle pareti dello stabile, fosse rappresentata dalla sostituzione dei pannelli che compongono le stesse pareti.



Il sopralluogo dell'amministrazione comunale a luglio

Un problema non di secondo ordine, quello del passaggio degli insetti attraverso le fessure, che il plesso, realizzato nel 2008, si trascina ormai da anni, tanto che periodicamente l'amministrazione comunale provvede alla disinfestazione degli animali, ma che a questo punto pare essere diventato veramente insostenibile. La conformazione con gli sbocchi sui lati, era stata pensata in fase di progettazione per assicurare la coibentazione all'edificio, evitando così di predisporre impianti di raffreddamento e riscaldamento degli ambienti.


"Purtroppo ci troviamo di fronte ad un problema strutturale - ha spiegato il sindaco - e non aveva oggettivamente senso continuare a tamponare la situazione senza debellarla mai definitivamente vista la delicatezza del luogo, così abbiamo ritenuto fosse giunto il momento di risolvere la criticità alla radice. Abbiamo perciò dato incarico al progettista di mettere a punto un sistema per cui le pareti lasciano comunque filtrare l'aria ma da un passaggio sottostante, diversamente dalla configurazione attuale. Abbiamo suddiviso l'intervento di sostituzione delle pareti incriminate in due lotti, e agiremo prima sulle aree ritenute logisticamente più sensibili per la vicinanza dei bambini, e presto partiremo con i lavori". La questione ha richiesto un'azione diversa e più efficace da quella finora seguita dal momento in cui, anche durante il sopralluogo di inizio luglio, il ritrovamento di svariati nidi di vespe appena all'interno delle fessure, ha confermato che il problema è ancora presente.
M.L.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco