Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 398.515.886
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 03/06/2021
Merate: 26 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 19 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 17 µg/mc

Scritto Domenica 09 agosto 2020 alle 11:30

Accadeva 30 anni fa/100 giugno: Merate incorona Gallina al comando di un DC-Psi-Pri. Non c’è quorum per i referendum

A un mese dalla tornata elettorale, Merate – uno dei pochi comuni con più di 10mila abitanti per il quali vige il sistema proporzionale – è alle prese con la formazione della nuova maggioranza. La Dc che ha governato da sola ininterrottamente dal dopoguerra ha perso due seggi scendendo da 17 a 15. E consiglieri in tutto sono 30. Non c’è maggioranza. Per la prima volta lo scudocrociato deve cercare alleati. I primi a rendersi disponibili sono i Repubblicani con Attilio Biondi, unico eletto del Pri. Troppo poco per non rischiare di andare sotto, ora, in particolare, che in Aula sono entrati ben 6 leghisti capitanati da Bruno Mauri. La trattativa quindi si apre con i socialisti. Romualdo Demontis guida la sezione di piazzetta Faverzani, Marcello Basosi è il capo carismatico e in Consiglio ritorna ancora stavolta con Aldo Castelli e Mauro Marinari. La distribuzione degli incarichi vede Mario Gallina, sindaco in pectore, concedere urbanistica e istruzione, oltre alla carica di consigliere anziano, ossia vice sindaco. Castelli è il papabile per entrare in Giunta. Basosi non ce la farà mai a vestire i panni del consigliere di maggioranza. E’ un combattente e lontano dai banchi dell’opposizione soffre visibilmente.



Mario Gallina, Aldo Castelli e Attilio Biondi

Il 27 maggio si è tornati al voto per i referendum contro la caccia, l’accesso libero ai suoli privati per i cacciatori e l’uso dei pesticidi in agricoltura. Ma il quorum del 50% non viene raggiunto. Miliardi di lire in fumo. A Merate però vota il 58% degli aventi diritto e la media del meratese è attorno al 54%. Solo Lecco città non arriva al quorum. Naturalmente i sì superano ovunque il 90%. Ma inutilmente.

A Robbiate il neo sindaco Alessandro Bonfanti con i voti della Dc finalmente compatta, invita al “Passone” di Montevecchia esponenti di maggioranza e minoranza con l’esclusione dei membri della lista “Solidarietà Democratica” bocciata nelle urne. Un incontro conviviale per iniziare nel migliore dei modi il nuovo mandato.



A Verderio Superiore la Dc fa vincere di nuovo Armando Villa che al termine di questo nuovo mandato avrà trascorso ben 40 anni in Comune contendendo il record a Eugenio Mascheroni di Montevecchia.


La stampa si concentra sui primi vent’anni dall’introduzione del divorzio in Italia. Crescono a vista d’occhio i matrimoni civili anche se nel 1989 rappresentano soltanto il 13% dei matrimoni totali. Crescono anche le separazioni e nel lessico corrente irrompe la parola “single”. Le cause dello “smatrimonio”? Secondo gli esperti locali: gelosia (al 1° posto), invidia, paura, infedeltà.




Clicca sull'immagine per ingrandire

Laura Crippa assessore ai servizi sociali di Merate saluta i bambini del Nido gestito dal Consorzio appositamente costituito. Ai genitori convenuti per la festa sull’erba la Crippa assicura che il servizio andrà regolarmente avanti gestito direttamente dal Comune.



Mario Bellani storico presidente della Società di pesca sportiva Briantea lancia l’allarme: il lago di Sartirana sta morendo. Il canneto avanza inesorabilmente. Il ciclo vitale delle canne quando si conclude aumenta lo spessore della fanghiglia che sottrae ossigeno ai pesci molti dei quali sono malati come si nota per le striature sul dorso. Bisogna fare in fretta: rallentare l’avanzata delle canne e dragare il fondo ricordando che quando si fece più di 15 anni prima la medesima operazione al Bagnolo fu estratto dal fondo melma per 3.500 metri cubi.

Non c’è pace nella maggioranza Dc di Brivio guidata da Ferdinando Massironi. Ai ribelli, quattro, il sindaco toglie alcune deleghe. Intanto passa il progetto di costruzione dello “stadio”. Va meglio sul fronte della cultura con una mostra di pittura che vede la partecipazione di ben 27 artisti ammirati da un vasto pubblico.



A Olgiate grande successo per la seconda edizione della rassegna del folclore  “Mario Manzoni” organizzata dalla locale “La Brianzola”. Successo anche per la quarta edizione del “concorso letterario” di Merate con 639 opere di 360 autori provenienti da tutta Italia. Cesare Finzi presiede la commissione esaminatrice.

Gli alpini di Verderio Inferiore partono per la grande adunata di Verona regalandosi due giorni di vacanza tra i piani del Lavarone e Asiago.



 Il Consiglio comunale di Cernusco approva un documento da sottoporre a Anas per l’interramento della statale 36 da Osnago a Beverate. Di fatto una iniziativa plateale senza concreti sviluppi ma almeno il rinnovato segnale che l’arteria (ora 342 dir.) è ingolfata in maniera intollerabile. Oggi a trent’anni di distanza rieccoci a scrivere del prolungamento della tangenziale Est fino a Olginate. In sotterranea. Capite perché si è scettici leggendo i trionfali comunicati dei consiglieri regionali lecchesi?

 
Finalmente Mario Gallina chiude il cerchio e forma la Giunta. Nella foto da sinistra Raffaele De Sario bilancio, Andrea Colombo commercio e sport, Aldo Castelli urbanistica, al centro il sindaco Mario Gallina, poi Laura Crippa servizi sociali, Giovanni Battista Albani lavori pubblici e Attilio Biondi istruzione.



Don Pietro Masetti festeggia i 35 anni di sacerdozio. Giunto a Merate nel 1976 si è dedicato alla gestione dell’oratorio femminile e all’insegnamento della religione nelle elementari e nelle medie da 25 anni. Don Pietro ha celebrato la sua prima messa a Mesero, paese natale e per un anno è stato vice rettore del seminario liceale di Venegono Inferiore.



A Osnago alcune famiglie della zona delle Orane chiedono al Comune un piccolo ampliamento dell’edificabilità. E con loro sorpresa il Comune risponde prontamente mettendo a disposizione aree per 20mila metri cubi. Ma sulla variante già fioccano le osservazioni. La massa di cemento in arrivo è enorme senza aggiungerne altra.

A Robbiate grande raduno provinciale delle bande musicali. Ben tredici gruppi vi partecipano con tantissimi estimatori al seguito. Un successo musicale e di pubblico grandissimo.



Il corpo musicale di Airuno



La Banda Sociale Meratese


Il corpo musicale Recli di Brivio

   


100/continua
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco