Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 354.405.468
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/09/2020

Merate: 13 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Mercoledì 05 agosto 2020 alle 15:51

Sartirana: altre due motopompe dalla "protezione civile" per dare ossigeno al lago che restituisce morti esemplari enormi


Il presidente Giorgio Fumagalli con l'esemplare di temolo russo

Altre due motopompe messe a disposizione dalla protezione civile di Merate sono state installate al “bagnolo” ed entreranno in funzione nel pomeriggio di mercoledì 5 agosto. Sulle rive del lago di Sartirana da anni non si vedeva un fermento simile per tentare di sanare una situazione ormai in fase terminale.



https://youtu.be/xxXS6MUAEAI



Un esemplare di pesce siluro lungo 1,90 metri










Dopo le prime due attivate dai vigili del fuoco nella tarda mattinata, sono arrivate queste del gruppo di volontari meratesi, sempre pronto ad intervenire durante i momenti di emergenza e di calamità. Per domani si attende, salvo contrordini, il parco del curone che potrebbe fornire delle “lance” utili sempre a movimentare l'acqua per ossigenarla.









Nel frattempo sul lago continua la raccolta di carcasse con esemplari dalle dimensioni ragguardevoli. Come il temolo russo o la carpa argentata che sono state ripescati al limitare del cannetto, sui 20 kg di peso e che hanno richiesto l'intervento di un paio di persone per poter trasportare sul natante e poi a riva.







Come già detto le specie decimate sono state praticamente tutte, a conferma che non si è trattato di un parassita che, come accaduto anni fa aveva intaccato i lucci risparmiando il resto della fauna, ma di un problema generalizzato che ha colpito tutti i pesci presenti nel lago, anche quelli più resistenti come carpe e tinche, capaci di resistere in ambienti ostili.





S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco