Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 354.396.543
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 22/09/2020

Merate: 13 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 7 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Mercoledì 05 agosto 2020 alle 12:08

Sartirana, pescatori e habitué della riserva: una mattanza mai vista, colpa della politica

Frequentano quelle rive da decenni, eppure non si ricordano di una moria di pesci così massiccia. Tra i pescatori e gli habitué del lago c’è una grande rabbia, perché quello che è accaduto nelle scorse ore – assicurano – non è colpa del fato.





''Ci sono tonnellate di pesci morti e le cose sono due: o c’è stata anche sott’acqua una pandemia oppure il lago è gestito male'' è il commento sarcastico di un pescatore. ''Dicono che è un problema di ossigenazione? Bene, se fossimo in Svizzera non ci sarebbe stato il problema. Quando un luogo si chiama 'riserva' significa che ha bisogno di personale che lo tenga pulito e controllato. Qua è tutto allo sbaraglio''.






Mentre questo pescatore si sfoga, un altro in sella ad una bici con indosso il classico gilet dove si infilano lenze, ami ed esche, se ne va infastidito borbottando in dialetto che ''non è possibile'' e ''non si fa così'', rivolgendosi palesemente al sindaco Massimo Panzeri e gli uomini della sua Amministrazione giunti sul posto mercoledì mattina per coordinare le operazioni, tra rimozione delle centinaia di carcasse dei pesci morti asfissiati e aspettare l’esito dell’indagine svolta dai tecnici.




''Vengo qui da quando sono in pensione e sto bene, in compagnia e in mezzo alla natura'' spiega un sartiranese. ''Non avevo mai visto nulla del genere e credo sinceramente non sia mai successo prima. I pescatori che ho sentito tra ieri ed oggi sono molto arrabbiati''.




''Questo è il classico esempio della gestione 'all’italiana' delle cose'' continua un altro pescatore. ''Quando c’è troppa politica, va tutto male. Se doveste chiedermi chi gestisce la riserva, da tanti anni che la frequento, non saprei rispondervi: ci sono il Comune, i Parchi, la Regione e la Provincia. Tutti che vogliono dire la loro ma nessuno che fa mai niente. Questo lago ha una centrale che lo controlla, ma scommetto che non funziona. Cosa ci vuole a rilevare che manca ossigeno nell’acqua e bilanciarlo? A cosa serve spendere tanti soldi per una centrale se poi non la si usa?''.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco