Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 360.230.116
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 29/10/2020

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 21 µg/mc
Lecco: v. Sora: N.D. µg/mc
Valmadrera: 15 µg/mc
Scritto Lunedì 03 agosto 2020 alle 15:12

Divieto accesso cani Lago di Sartirana

Buongiorno Direttore.
Le scrivo per rendere pubblica gratitudine al Consigliere Regionale Marco Fumagalli per avere tratto in salvo la Riserva del Lago di Sartirana da orde di cagnetti al guinzaglio, notoriamente pericolissimi per l'equilibrio dell'ecosistema della nostra amata riserva.


Ebbene sì, transenna nuova e nuovo divieto di accesso ai cani. O meglio, divieto ripristinato grazie allo zelante intervento del Consigliere Fumagalli, preoccupato dei quattrozampe che, accedendo al guinzaglio con i propri maleducati padroni, avrebbero messo a repentaglio il delicato sistema naturale della Riserva. Perché diciamocelo, il vero problema della Riserva del Lago di Sartirana sono i cagnetti al guinzaglio che passeggiano pigramente sui sentieri, non – ad esempio – i fanghi che “soffocano” il lago, non la mancanza perenne di fondi e l'inettitudine politica, nonché certa diffusa maleducazione.


Certo, battagliare “contro” i cani per ottenere un po’ di visibilità è decisamente più facile che picchiare i pugni sui tavoli politici per ottenere interventi concreti. Mi domando: a quando la crociata contro i bambini urlanti che rincorrono gli anatroccoli?
Grazie per l'attenzione.
Cordialmente,
G.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco