Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 348.749.724
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/08/2020

Merate: 15 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 12 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc
Scritto Sabato 01 agosto 2020 alle 17:13

Merate, Panzeri: i debiti di Retesalute non solo frutto di perdite gestionali. E tira ancora in ballo la liquidazione

Unico momento di frizione nel corso del Consiglio comunale di Merate del 31 luglio si è avuto sul tema Retesalute. A spezzare l'armonia il sindaco Massimo Panzeri è tornato sui 433 mila euro accantonati prudenzialmente per coprire le perdite di Retesalute. Ha voluto replicare al comunicato stampa di "Cambia Merate!" [clicca QUI]. "Dire che i debiti vanno comunque pagati dai soci è vero nel momento in cui siano riconosciuti come debiti gestionali. Io porto dubbi che alla fine si riduca a dei debiti gestionali. Con la relazione che avete ricevuto, ci sono forti motivi e delle valutazioni che vanno un pelino oltre il semplice debito gestionale" ha dichiarato il primo cittadino.

 

Una versione differente rispetto a quanto sostenuto più prudentemente due giorni prima dal revisore dei conti di Retesalute Stefano Maffi nell'assemblea dei soci presieduta dallo stesso Panzeri: "Questi debiti verosimilmente, questo è quello che possiamo dire noi oggi da ciò che abbiamo visto, si rifanno a perdite gestionali. Con quasi certezza possiamo dire che dovrebbero essere perdite gestionali - dichiarava il dott. Maffi - Usiamo il condizionale perché non sappiamo cosa è successo prima del 2018. Noi abbiamo iniziato a re-incasellare delle cose che non tornano. Per dire qualcosa sul passato la contabilità va riverificata, se non rifatta laddove è possibile".

 

Secondo Panzeri l'erogazione dei servizi non può bastare a giustificare le perdite. "Non funziona così. La corretta tenuta dei libri contabili e della contabilità generale non è un optional, soprattutto quando maneggiamo soldi pubblici. Nulla giustifica la manipolazione di bilanci. Se l'azienda verrà liquidata non sarà per una teoria di Merate o di Missaglia".

 

Ma sull'ipotesi della liquidazione il primo cittadino si è dissociato da chi gli attribuisce di "gareggiare" per questa soluzione. "Se emergerà una soluzione semplice, che potrà sanare l'azienda riconoscendo eventualmente il debito, sarò il primo a sostenerla. Merate crede nella forma associata e pubblica per l'erogazione di servizi sociali, ma è meno convinta che questa società possa ancora rimanere in piedi. Ce lo dovranno dire degli organismi terzi. Se dovessero emergere bilanci negativi per quattro esercizi su cinque, la liquidazione non sarebbe una scelta, sarebbe imposta" ha affermato con forza Panzeri.

 

"Sono convinto anch'io che non si debba fare nessuna scrittura contabile scorretta - ha contro-ribattuto Aldo Castelli - Il senso del comunicato è che oggi non ho quattro bilanci in perdita, è una supposizione. Ho tutti i bilanci che certificano 3 o 4 euro di utile. Al momento attuale valuto questo, ragiono sugli atti. Non ho gli estremi per la liquidazione coatta. Quello che io contesto è la liquidazione volontaria per fare la stessa cosa".

 

"Non ho idea quanto costi costituire una nuova società. So quanto comporterebbe in termini di atti costitutivi. Se potessi evitarli lo farei volentierissimo. Io non ho mai detto che l'azienda va liquidata. Il dubbio è che il problema non sia ancora stato risolto, come viene fatto passare in maniera troppo ottimistica" ha concluso il sindaco.

M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco