Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 420.332.074
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 24 luglio 2020 alle 16:54

Calco: curva sport, approvata variante PGT della nuova rotonda. Osservazioni bocciate

Approvata dal consiglio comunale di Calco la variante al Piano di Governo del Territorio relativo alle modifiche subìte dal progetto di realizzazione di una nuova rotonda in corrispondenza della curva dello sport, tratto della Sp342 diventato drammaticamente noto negli anni per la sua pericolosità ed i diversi incidenti, alcuni anche con esito mortale, di cui è stato scenario.



La curva dello sport dove sorgerà una nuova rotonda



Il consiglio comunale di Calco

E’ nello specifico l’ultimo atto che necessitava del passaggio in assise siglato dall’Amministrazione in carica, che sarà rinnovata con le elezioni comunali in programma per i prossimi 20 e 21 settembre.
Illustrate dal sindaco Stefano Motta con il contributo dell’architetto estensore della variante Marilena Sgroi, tutte e quattro le osservazioni giunte da privati proprietari di immobili che insistono sulla porzione catastale in cui verrà realizzata la nuova rotatoria, spostata sostanzialmente più a nord rispetto a quanto il Pgt prevedeva in precedenza sulla base di un vecchio progetto realizzato sempre dalla Provincia, come in questo caso, sono state controdedotte e respinte.



I consiglieri di minoranza

Diversi gli espropri che verranno effettuati per fare spazio all’opera ai quali si aggiunge anche quello relativo ad un intervento annesso ma non strettamente collegato alla rotonda. E’ allo studio infatti un nuovo tracciato che colleghi via Boffalora e via San Giorgio per consentire ai residenti di immettersi in tutta sicurezza sulla strada provinciale e non più come in passato utilizzando lo stretto e al limite dell’impraticabile imbocco della località di Boffalora (che continuerà ad essere percorribile solo in entrata).



L’architetto Marilena Sgroi e il sindaco Stefano Motta


Tra i consiglieri di minoranza più ''combattivi'' in aula l’ex sindaco Giuseppe Magni, il quale ha voluto comprendere come mai la Provincia e l’Amministrazione abbiano intrapreso la scelta di variare il progetto già previsto di una rotatoria che doveva assumere una forma ad ''8'' e non prevedeva particolari modifiche nelle proprietà di privati. Il sindaco e l’estensore hanno tuttavia spiegato che l’ipotesi avanzata oltre dieci anni fa dai tecnici provinciali non risulta più percorribile.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco