Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 354.138.380
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 20/09/2020

Merate: 29 µg/mc
Lecco: v. Amendola: 25 µg/mc
Lecco: v. Sora: 23 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Scritto Mercoledì 22 luglio 2020 alle 11:42

Valletta: classi 'sdoppiate' e gruppi invece delle sezioni.Si prepara la ripresa a scuola

Anche dall'Unione della Valletta, comune ed istituzioni scolastiche stanno lavorando in sinergia per programmare la ripresa a settembre. Da ormai alcune settimane, infatti, l'amministrazione, il dirigente scolastico Paolo D'Alvano e gli insegnanti dell'Istituto Don Piero Pointinger si stanno incontrando a cadenza regolare per stabilire le misure da adottare in vista del 14 settembre. "Più che lavori da fare" ha spiegato l'assessore con delega all'istruzione Paola Panzeri "è necessario individuare gli spazi dove sistemare al meglio gli alunni, che avranno dei moduli da 50 minuti". Per quanto riguarda il plesso della scuola secondaria di La Valletta Brianza, saranno tre le classi che verranno sdoppiate, due delle quali si sposteranno nell'edificio della primaria di via Veneto, dove sono disponibili altrettante aule molto spaziose.


La scuola secondaria di La Valletta Brianza

Di conseguenza, per la cosiddetta 'Primaria 1' saranno due le classi che verranno divise, per consentire agli alunni delle medie di occupare quegli spazi. Per la 'Primaria 2' di via Montegrappa, allo stesso modo, si deciderà, con ogni probabilità, per una divisione, anche se tutto è ancora in fase decisionale.



La Primaria 1 di La Valletta



La Primaria 2 di La Valletta

Le elementari di Santa Maria Hoè, invece, non subiranno alcuna variazione, ma per l'edificio di via don Carlo Turrini verrà solamente ripensata la collocazione degli studenti. Il sindaco Efrem Brambilla ha spiegato che il comune ha comunque richiesto i fondi ministeriali - 6000 € - per alcuni piccoli aggiustamenti, ricordando che se oggi la ripresa sarà più facile è anche grazie ai lavori di ampliamento svolti in precedenza sull'edificio, risalenti al 2017. "Ciò che abbiamo fatto prima ci ha permesso di ricavare alcune aule e uno spazio mensa molto grande" ha spiegato "Così che riusciremo a garantire tutti i servizi, compresi la mensa ed il trasporto, che sono solo da organizzare".


Le elementari di Santa Maria Hoè

"Per l'Infanzia di La Valletta" ha spiegato invece l'assessore Panzeri "dove è decisamente più difficile mantenere una distanza interpersonale adeguata, verranno probabilmente creati 8 gruppi anzichè le canoniche 4 sezioni"; anche per l'asilo, tuttavia, gli spazi sono già disponibili e non è necessario crearne di nuovi, soprattutto perchè non è plausibile l'ipotesi di costruire dei nuovi bagni o delle nuove aule in soli due mesi.



La scuola dell'infanzia di La Valletta

Un tasto dolente è, invece, come per tanti altri comuni, quello della refezione scolastica. Nonostante le idee non manchino, il servizio mensa è particolarmente complicato da progettare, in quanto si vorrebbe evitare che i ragazzi debbano mangiare all'interno delle aule. "Vogliamo garantire un pasto caldo servito con le modalità più adeguate, ma sarà necessario un aiuto nella sorveglianza" ha spiegato Panzeri, dicendo che la situazione è quasi analoga per l'organizzazione del trasporto, per cui al momento, l'unica cosa certa è il piedibus.
"Sarà un anno di fatica per tutti" ha concluso l'assessore, ringraziando tutti per la collaborazione "ma quello che vogliamo è garantire una qualità alta di tutti gli aspetti scolastici".
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco